La parola al paziente. Il consenso informato e il rifiuto delle cure

La parola al paziente. Il consenso informato e il rifiuto delle cure

di Umberto Veronesi, Maurizio De Tilla, Lucio Militerni


  • Prezzo: € 17.00
  • Nostro prezzo: € 15.98
  • Risparmi: € 1.02 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Nell'arco della vita, ciascuno di noi può vedersi costretto a decidere della propria salute. La malattia determina una situazione complessa di sofferenza, bisogni, attese, dove l'intervento professionale e il supporto psicologico del medico sono fondamentali. Il percorso di esami e trattamenti, secondo una legge non solo giuridica ma anche e soprattutto morale, dovrebbe essere deciso consapevolmente dal paziente. Questo è il "consenso informato": il diritto del malato all'autodeterminazione, una conquista recente e per nulla consolidata nella nostra cultura, sulla base di un'informazione completa e adeguata, fornita dal medico in un dialogo che tenga conto delle conseguenze, dei rischi, delle possibili cure alternative. Un diritto che, richiamandosi a un principio fondamentale di libertà, può esprimersi anche nel rifiuto delle cure da parte del paziente, a preservare non solo l'integrità psicofisica della persona, ma anche la sua emotività e dignità. Questo libro aiuta a comprendere una delle più dibattute tematiche nell'ambito della bioetica, per la quale ancora manca un quadro normativo che armonizzi le problematiche a essa connesse con il mondo dei "valori", le convinzioni etiche, filosofiche, religiose che ciascuno ha sulla vita e la morte.

Note sull'autore

Umberto Veronesi nacque a Milano il 28 novembre del 1925. Crebbe in una famiglia cattolica praticante e a quattordici anni è divenne agnostico. Visse nei sobborghi agricoli del milanese assieme ai genitori, a quattro fratelli e alla sorella. La sua giovinezza fu segnata dalla morte prematura del padre. La madre, Erminia Verganti, ebbe per lui un ruolo fondamentale, tanto che Veronesi le dedicò il libro dal titolo “Dell’amore e del dolore delle donne” (2010). Durante gli anni del liceo venne bocciato due volte, ma una volta conseguito il diploma di maturità si iscrisse alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Milano, dove si laureò nel 1952. Dopo la laurea, si dedicò alla cura dei tumori, viaggiò all’estero ed eseguì delle ricerche, prima di iniziare a lavorare come volontario all'Istituto nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori, Istituto del quale divenne direttore nel 1975. Nel 1982 fondò la Scuola Europea di Oncologia. Nel 1991 fondò l’Istituto Europeo di Oncologia, di cui è stato direttore dal 1994 fino alla sua morte, eccezion fatta per il 2000, anno in cui ha temporaneamente lasciato l’incarico perché divenuto Ministro della Salute durante il Governo Amato II. Nel 2003 è stata fondata la Fondazione Umberto Veronesi. Dal 2008 al 2011 fu Senatore del Parlamento italiano. Umberto Veronesi scrisse numerosi volumi e saggi. Sposato a Susy Razon ebbe sette figli. Veronesi fu considerato uno dei medici più autorevoli a livello internazionale per quanto riguarda le ricerche sul cancro. Si spense all'età di 90 anni nel 2016.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Umberto Veronesi:


Dettagli del libro