Modus vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido

Modus vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido

di Zygmunt Bauman


  • Prezzo: € 8.00
  • Nostro prezzo: € 6.80
  • Risparmi: € 1.20 (15%)
Spedizione a 1€  Spedizione con Corriere a solo 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Disponibilità immediata
Ordina entro 7 ore e 20 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo mercoledi 30 Luglio (Scopri come)
RACCOGLI BEENZ E RICEVI FANTASTICI PREMI!
Acquistando questo prodotto raccogli 7 beenz o più. Scopri come
Aggiungi al carrello

Descrizione

"Se vogliamo capire in che mondo viviamo e non sbagliare le mosse, interpretandolo con le categorie che abbiamo utilizzato in passato e che oggi non servono più, è opportuno leggere Modus vivendi di Zygmunt Bauman. Il libro è bellissimo. La condizione umana, dipinta come un inferno, invoca un'utopia che la possa riscattare". Umberto Galimberti. "Con un libro folgorante, Zygmunt Bauman si conferma lucidissimo nelle sue analisi sul tipo di mondo nel quale ci è capitato di vivere". Corrado Augias. "Modus vivendi è uno dei più bei libri scritti da barman". Lelio Demichelis, Tuttolibri. "In questo saggio la modernità liquida è sinonimo di rapacità, e Thobbesiano homo homini lupus si ripresenta al centro della scena. L'analisi di Bauman è cupa e tuttavia condita da una buona dose d'ironia". Benedetto Vecchi, il manifesto.

Dettagli del libro

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Modus vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido acquistano anche «La ricchezza di pochi avvantaggia tutti». Falso! di Zygmunt Bauman € 7.65
Modus vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido
aggiungi
«La ricchezza di pochi avvantaggia tutti». Falso!
aggiungi
€ 14.45

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti


Scrivi una nuova recensione su Modus vivendi. Inferno e utopia del mondo liquido e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4.1 di 5 su 7 recensioni)


4.0La condizione della società contemporanea, 06-05-2012
di G. Alvino - leggi tutte le sue recensioni

Bauman è uno dei massimi esperti del postmodernismo. Sicuramente questo saggio aiuta a soffermarsi con un approccio diverso su tutto ciò che attualmente ci passa sotto gli occhi mascherato da consuetudine e talmente inglobato nel nostro comportamento come "normale" da non auspicare nessuna riflessione. Lo stile è scorrevole, le citazioni sono numerose; nel complesso risulta interessante e di facile comprensione.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


3.0Disincantato, 26-04-2012
di L. Sardu - leggi tutte le sue recensioni

Per me Bauman ha una sapienza puntuale, chiara, precisa e ben salda, mi vien da affermare materialista. Senza sbrodolare, senza metafore e senza ideologismi, ma senza omettere le dovute differenze di classe, come tendono invece a fare oggi in tanti. L'unica nota è che, alla lunga, i saggi di bauman si somigliano tutti, il nucleo è sempre lo stesso ma affrontato di volta in volta da angolazioni diverse.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Propone molte risposte, 08-03-2012
di G. Rederti - leggi tutte le sue recensioni

Un fondamentale, Bauman, assieme a Augé e Le Goff, suo il conio della definizione illuminante di modernità "liquida". Il testo prende in esame le paure contemporanee, l'umanità, la gestione delle paure da parte degli Stati, la convivenza e la disgregazione del concetto di utopia Modus vivendi è l'opera migliore di Bauman, dove in meno di 130 pagine affronta i più disparati argomenti che andrà poi ad approfondire nei libri successivi. Un indice da scorrere con molta parsimonia.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Modus vivendi, 29-07-2011
di F. Villo - leggi tutte le sue recensioni

Da qualche tempo ho in rilettura l'opera omnia filosofica dell'autore polacco. Quando, con il suo sguardo attento, si aggira per i meandri della nostra vita, mi rende più chiari elementi di disagio che a volte non focalizzo. Con la sua idea forte nel fondo e sempre presente in tutti i suoi scritti, il mondo attuale, fatte crollare le barriere istituzionali ed economiche, è un mondo liquido, dove le cose da un lato prendono la forma del loro contenitore (e non viceversa) dall'altra è difficile rapportarvisi perché, come tutti i liquidi, scivolano via. Nei primi quattro capitoli, che sono più organici, questa lente analitica viene usata per guardare alcuni momenti forti della vita attuale, come la produzione industriale dei profughi, lo spostamento verso il basso dell'uso della politica dovuto ad una distorta interpretazione dell'uso del suffragio universale. Fino alla bella analisi degli stati d'animo di mixofobia e mixofilia, della paura e dell'amore verso lo straniero, verso l'altro (e che per versi opposti mi rimandano a Camarrone e Saviano) . Stati che a volte, come tutte le cose complesse, coesistono all'interno di ciascun abitante delle città invase dagli "esterni", da quelli che vengono cacciati dai loro posti di vita perché non c'è lavoro, c'è solo miseria e morte. E non vengono, non possono venire accolti. Da nessuna altra parte. L'ultimo capitolo è un po' appiccicato, si sente che è frutto di una lezione universitaria, quindi risulta scollegato dal resto. Anche se lì è contenuta un'altra metafora della vita, o meglio del cambiamento della vita attraverso gli anni e i secoli. Dove l'uomo, anzi il progredire dell'atteggiamento umano maggioritario, viene paragonato prima a quello del guardiacaccia, che deve impedire ad altri di venire a cogliere i frutti del proprio territorio. Frutti che comunque vanno coltivati. Un guardiacaccia ha sempre cura degli animali che vivono con lui, perché, appunto gli danno la vita. Poi i territori diventano meno perigliosi, ed il guardiacaccia si trasforma in giardiniere, che ha cura del proprio giardino, e lo fa crescere e prosperare, sa quali piante far crescere e quali "erbacce" estirpare. Fino al rivoltarsi attuale, che lo trasforma in cacciatore, in bieco uccisore e predatore di tutto quello che c'è attorno. E dopo di me, il diluvio. Ecco alla fine l'unico neo, ma molto grosso, delle sue analisi sono appunto queste: sono analisi di situazioni, ma non si interviene, non si riesce a pensare a come modificare il reale.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0utilissimo, 24-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di I. Rossetti - leggi tutte le sue recensioni

Attualissimo e utilissimo poichè riporta uno studio critico di quelle che oggi,e non solo,sono e sono state considerate le difficoltà del mondo e soprattutto dei cittadini!Propone consigli utile a quest'ultimi su come affrontare determinate difficoltà socili-economiche-politiche.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Modus vivendi?, 26-09-2010
di G. De lista - leggi tutte le sue recensioni

Un mondo divenuto liquido, quello moderno, secondo Bauman. Liquido perché le forme sociali che lo costituiscono, e per forme sociali sono da intendersi “le strutture che delimitano le scelte individuali, le istituzioni che si rendono garanti della continuità delle abitudini, i modelli di comportamento accettabili”, non riescono a conservare a lungo la propria forma. Si disciolgono prima di essere in grado di assumere solidità, non viene lasciato loro il tempo sufficiente per divenire ciò che avrebbero potuto (o dovuto) essere.
Transitorietà permanente, effimero durevole, ruoli sociali inadeguati. Queste le peculiarità della vita liquida.
Futuro incerto, posizione sociale fragile e insicurezza esistenziale. Altri complementi della modernità liquida.


Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0Attuale, 27-08-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di S. Rossetti - leggi tutte le sue recensioni

Molto attuale e moderno. Descrive criticamente alcuni aspetti della societa' attuale proponendo soluzioni atte al superamento di queste problematiche. Lo ritengo utile per lo sviluppo di un pensiero critico rispetto ai problemi della quotidianita'.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO