€ 8.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Kitchen confidential. Avventure gastronomiche a New York

Kitchen confidential. Avventure gastronomiche a New York

di Anthony Bourdain

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
Dopo una gioventù dissipata, all'insegna di droghe e contestazione, Bourdain diventa uno dei cuochi più famosi di New York. Questo libro è il racconto di un'avventura culinaria, uno sguardo dietro le quinte che rivela gli orrori della ristorazione, gli ideali traditi e quelli realizzati. L'autore offre al lettore agghiaccianti informazioni su quanto accade all'interno di una cucina (anche quella dei ristoranti più famosi), ma nonostante gli avvertimenti più minacciosi ricorda che il nostro corpo non è un tempio ma un parco-divertimenti e non dobbiamo condannarlo a una vita di rigore e castità alimentare.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Anthony Bourdain:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 6 recensioni)

5.0Il backstage del cibo, 18-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Geniale divertente e irriverente... Tutto quello che può accadere e non si sa nelle cucine di un ristorante, gli addetti ai lavori si rivedranno senza dubbio in molti racconti e in molte situazioni, per i semplici appassionati di cucina un simpatico affresco della follia, professionalità e amore per il buon cibo che fanno da musa a tutti gli chef
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Lo consiglio, 06-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro troppo divertente che fa comprendere come ci si può divertire con il nostro lavoro. E' scritto molto bene e tra piatti sbagliati, vita da star, eccessi, ma anche dritte sul mondo del risto business la lettura scorre veloce senza mai annoiare.
Un bel libro che consiglio a tutti, da leggere assolutamente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Kitchen confidential, 02-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Lo comprai alla fiera del Libro che si tenne nella città di Genova. Anthony Bourdain ci racconta la sua vita, dal periodo in cui era solo un tossico alla ricerca continua di eroina, al successo finale, ma soprattutto gli step intermedi che lo hanno portato ai massimi livelli, soffermandosi in particolare sui suoi fallimenti, su tutte le volte in cui è stato licenziato, in cui è rimasto disoccupato a lungo e ha iniziato a dubitare di sé stesso e delle sue capacità.
Il lavoro nella cucina di un grande ristorante è molto duro, spesso si lavora anche 16 ore al giorno (almeno negli USA), per cui è un lavoro che richiede carattere e resistenza. Un buon cuoco non si presenta mai in ritardo, non si dà mai malato, e lavora tra il dolore e le ferite.

In cucina vale una gerarchia come nell'esercito: quando lo chef ordina, lo staff deve eseguire e questo è il motivo per cui quando si ricerca personale non si cercano leader, ma persone umili e adatte al lavoro di squadra.
L'autore esalta il lavoro come componente fondamentale della vita di ognuno. In alcuni momenti mi ha riportato ai temi di Carver, quando parla della fatica fisica, della stanchezza a fine giornata, della precarietà, dell'essere sempre in balia degli umori del capo.
Mentre lo leggevo mi saliva l'adrenalina, avevo voglia di essere più attiva, di rimettermi in gioco, di uscire dalla solita routine, di lasciare tutto e ripartire da capo, magari come cameriera in un ristorante di New York... E' un libro che trasmette entusiasmo, voglia di rimettersi in gioco!
Leggerò senz'altro il suo seguito che è appena uscito "Al sangue".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Kitchen confidential, 15-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Che dire del libro di Bourdain? Regalo di un fervente divora-libri, mio ex compagno di università, tuttavia il libro del cuoco canadese mi piacque assai. Lo stile è asciutto, metropolitano, i contenuti appassionanti, il ritmo serrato. Una banda di mezzi fricchettoni questi cuochi, ben lontani dall'idea di disciplina che uno si fa. Trasgressioni, stravizi, sbandamenti, ma una grande passione per la vita di cui la cucina è una sorta di antologia degli elementi che la compongono. La cucina riassume in sè la vita, nel tuo cucinare ci puoi infondere il tuo modo di vivere. Bourdain è bravissimo in questo e chi lo conosce per i suoi resoconti di viaggio su Gamberorosso Channel lo apprezzerà ancor di più per la scrittura. Sesso, droga, rock roll e, perché no, Chateau Latour...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Kitchen confidential, 31-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Ascesa a grande chef internazionale di un tipino niente male proveniente dai bassifondi stradali di New York. Comincia con la vita e finisce col mestiere. Originale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Per chi sogna di diventare chef, 07-07-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro è divertentissimo. Io sono appassionata di cucina, e più di una volta mi sono chiesta come sarebbe dedicarmi ad essa in modo professionale. Ecco, questo romanzo mi ha dato una risposta molto esauriente.. Bourdain racconta la sua vita "culinaria" partendo dalla descrizione di come il primo contatto con i sapori veri, da ragazzino in Francia, lo abbia illuminato e portato a vagare per le cucine di diversissimi ristoranti, anche in Giappone. Le cucine dei ristoranti sono protagoniste assolute: gli odori, i ritmi, le relazioni, il gergo dei cuochi, i sacrifici... Pur leggendo di un lavoro assai faticoso, anche "violento" (inoltre Bourdain non ha vergogna di raccontare alcune verità che tutti i clienti di ristoranti intuiscono ma fanno finta di non conoscere), la remota idea di entrare in questo mondo.. è diventata una mezza idea, o meglio, un mezzo sogno...
Ritieni utile questa recensione? SI NO