Un disco dei Platters

Un disco dei Platters

4.0

di Francesco Guccini, Loriano Macchiavelli


  • Prezzo: € 10.50
  • Nostro prezzo: € 8.92
  • Risparmi: € 1.58 (15%)
Disponibilità immediata
Ordina entro 20 ore e 8 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo venerdi 3 Aprile   Scopri come

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

RACCOGLI BEENZ E RICEVI FANTASTICI PREMI!
Acquistando questo prodotto raccogli 27 beenz o più.   Scopri come

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Un disco dei Platters acquistano anche Il lupo rosso di Liza Marklund € 10.62
Un disco dei Platters
aggiungi
Il lupo rosso
aggiungi
€ 19.54

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro

  • Titolo: Un disco dei Platters
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar bestsellers
  • Data di Pubblicazione: Ottobre 1999
  • ISBN: 8804471913
  • ISBN-13: 9788804471912
  • Reparto: Gialli

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Un disco dei Platters e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 4 recensioni)

3.0Storie fantastiche in montagna, 22-06-2012
di P. Serraglini - leggi tutte le sue recensioni

Il maresciallo Santovito aspetta vent'anni a tornare nei luoghi che lo avevano visto protagonista di "Macaronì" e, guarda caso, sul treno viaggia anche una giovane professoressa e in quel paese sperduto ne succedono di tutte. In questo romanzo, che è peraltro leggibilissimo e in cui sono soprattutto di grande interesse gli episodi che ci riportano agli anni della fine della guerra, ne avvengono davvero troppe, e talvolta gli Autori si fanno prendere la mano dall'immaginario popolare per riportarlo nelle loro stesse pagine con personaggi al limite del verosimile. Ma accanto al Romitto del Castagno e al Tedesco in bicicletta, ci sono figure potentissime, come quelle del Flabbrone o di Blablà della Casa Rossa, che da soli meriterebbero la figura di protagonisti in una galleria dell'epica montanara. Di questi personaggi, nonché del loro maresciallo, Guccini e Machiavelli danno l'impressione di essersi innamorati al punto da non averli voluti lasciare con il termine del primo romanzo. Ma, come si sa, con le continuazioni è difficile ripetersi.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0SANTOVITO PARTE SECONDA, 21-07-2011
di L. Reccagni - leggi tutte le sue recensioni

La coppia geniale Macchiavelli-Guccini, maestri poeti, presentano la seconda avventura del maresciallo Santovito Benedetto. La trama del romanzo è semplice, ma la sorprendente freschezza descrittiva di ambiente e personaggi rendono il libro avvincente, da leggere una pagina dopo l'altra con curiosità. La malinconia delle cose ormai passate, il senso dell'onore e la diffidenza dei montanari fa da sfondo ad una imperdibile lettura.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


3.0Santovito non delude, 23-12-2010
di G. Valeri - leggi tutte le sue recensioni

Un libro alla Guccini, scaltro, vivo, genuino.
Un'altra avventura del maresciallo Santovito, che torna nel suo paese, pensando di ritrovare posti e sapori che oramai sono scomparsi o quantomeno cambiati.
Come sempre molto suggestiva l'ambientazione nel bel mezzo dell'appennino, con atmosfere che Guccini conosce talmente bene da renderle vere e reali al lettore.
In fondo però è un raccontino giallo che, per quanto carino, non merita più di tre stellette.


Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Un disco dei Platters, 02-10-2010
di G. Esposito - leggi tutte le sue recensioni

Sicuramente è un bel giallo, ottimamente costruito, con continui riferimenti ad un mondo contadino ormai scomparso.
Unica pecca è l'aver collocato la popolarità del colonnello Bernacca nel 1960, mentre divenne famoso al pubblico televisivo dopo la metà degli anni '70.
Una curiosità: la citazione della data della strage alla stazione di Bologna.


Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Godibile giallo di ambiente gucciniano, 19-08-2010
di I. Taboga - leggi tutte le sue recensioni

E' il secondo capitolo delle avventure del Maresciallo Santovito della coppia Macchiavelli-Guccini. Visto da uno stimatore di emtrambi questi due "bolognesi" il riassunto appare semplice: Macchiavelli ci mette una scrittura scorrevole e una tecnica da giallista collaudatissimo (intrigante ma non eccessivamente contorta), Guccini ci mette tutta la sua ambientazione da appennino tosco-emiliano e qualche sprazzo di poetica. Carina anche la professoressa Raffaella che accompagna il Maresciallo in questa vicenda in cui non mancano i flash-back e i gustosi personaggi paesani (stereotipati ma non troppo).

Ritieni utile questa recensione? SI  NO