Carta straccia. Il potere inutile dei giornalisti italiani

Carta straccia. Il potere inutile dei giornalisti italiani

4.5

di Giampaolo Pansa


  • Prezzo: € 5.90
  • Nostro prezzo: € 2.65
  • Risparmi: € 3.25 (55%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

"Carta straccia" non è un pedante trattato sui media. È un libro carogna, un racconto all'arma bianca, sornione e beffardo, pieno di ricordi. Mette in scena una quantità di personaggi, tutti attori di una recita alla quale ho partecipato anch'io: l'informazione stampata e televisiva, di volta in volta commedia o tragedia. Sono un signore che ha trascorso cinquant'anni nei giornali, lavorando in molte testate con incarichi diversi. Che cosa ho capito della mia professione? All'inizio pensavo che avesse la forza di un gigante, in grado di vincere su chiunque. Poi ho cambiato opinione: in realtà, il nostro è un potere inutile, serve a poco, non conta quasi nulla rispetto a quello politico, economico e giudiziario. Il perché lo spiego in "Carta straccia". Dopo un'occhiata al passato, la mia prima macchina per scrivere e l'apprendistato ferreo imposto da direttori senza pietà, vi compaiono i capi delle grandi testate di oggi. E i misfatti delle loro truppe. La faziosità politica dilagante. Gli errori a raffica. Le interviste ruffiane. Le vendette tra colleghi. Lo schierarsi in due campi contrapposti, divisi da un'ostilità profonda. Il centrodestra, dove si affermano Maurizio Belpietro e Vittorio Feltri, con le campagne di stampa condotte senza guardare in faccia a nessuno. E il centrosinistra, dominato dalla potenza guerrigliera di Ezio Mauro e dalle ambizioni politiche di Carlo De Benedetti, nemici giurati di Silvio Berlusconi". (Giampaolo Pansa).

Note sull'autore

Giampaolo Pansa è uno dei più noti giornalisti e saggisti italiani. È nato a Casale Monferrato nel 1935 e ha studiato presso l’Università degli Studi di Torino, dove si è laureato in Scienze Politiche con una tesi dedicata alla guerra partigiana in Piemonte, pubblicata nel 1967 dall’editore Laterza in un volume intitolato “Guerra partigiana tra Genova e il Po. La Resistenza in provincia di Alessandria”. Subito dopo la laurea ha iniziato a lavorare per il quotidiano torinese “La Stampa”, dando l’avvio alla sua lunga e prestigiosa carriera giornalistica, che prosegue tuttora. Ha scritto, negli anni, per i quotidiani “Il Giorno”, “Il Messaggero di Roma”, “Il Corriere della Sera” e “La Repubblica” e per i settimanali “L’Espresso” e “Panorama”, occupandosi di alcune delle vicende più scottanti e tragiche della storia recente del nostro paese, dalla strage di Piazza Fontana allo scandalo Lockheed. Attualmente scrive per il quotidiano “Libero”, in cui cura la rubrica “Bestiario”. Accanto al lavoro come giornalista, Pansa ha scritto anche numerosi romanzi e saggi, in gran parte dedicati alla storia della Resistenza italiana. A partire dai primi anni 2000 la sua attività saggistica si è concentrata soprattutto sul racconto dei crimini compiuti dai partigiani durante il periodo della guerra civile e nei mesi immediatamente successivi alla conclusione della seconda guerra mondiale. A questo tema sono dedicati svariati saggi – tra cui “Il sangue dei vinti”, “Sconosciuto 1945”, “La grande bugia”, “I gendarmi della memoria” – che sono stati oggetto di polemiche anche molto aspre, poiché accusati di farsi portavoce di una visione revisionista e storicamente poco attendibile. L’autore ha sempre respinto con forza accuse di questo tipo, dichiarando che il suo unico intento è quello di raccontare una parte poco nota della storia d’Italia.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro -55%

  • Titolo: Carta straccia. Il potere inutile dei giornalisti italiani
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Rizzoli best
  • Data di Pubblicazione: maggio 2011
  • ISBN: 8817049271
  • ISBN-13: 9788817049276
  • Pagine: 423
  • Reparto: Politica e società
  • Formato: rilegato

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 4 recensioni)

5.0Rassegna storica per capire, 05-07-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Veramente utile questo testo di Giamapaolo Pansa. Non e' solo una visione critica del ruolo dei media in Italia ma anche un excusrsus storico sull'avvicendarsi nel tempo dei vari editors alla guida delle piu' importanti testate italiane e gli importanti risvolti nelle vicende politiche del momento. Insomma una sorte di "rassegna storica" veramente utile a chi non e' del settore ma che aiuta a capire molte cose. Bravo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Saggio da non perdere, 04-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Non avevo mai letto un libro di Pansa prima d'ora. Oltre ad essere interessantissimo, si legge con golosità, nel senso che lo si divora. E' un saggio col piglio del romanzo, mai noioso o pesante. Lo consiglio vivamente a tutti, poichè l'autore ha scritto con vera classe giornalistica e con una dote ormai rara per i signori della carta stampata: l'obiettività e l'imparzialità. Bravo Giampaolo.
Leggerò tutti i tuoi libri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un libro-verità, 26-05-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro-verità, questo scritto da Pansa Giampaolo. Che ci racconta lo stato attuale del giornalismo italiano, fatto da informazioni a volte totalmente scorrette, a volte controllate da pendenze politiche e in rari casi spinto dal vero intendo di fare vera informazione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Carta straccia, 19-05-2011, ritenuta utile da 5 utenti su 6
di - leggi tutte le sue recensioni
Carta straccia è un libro davvero sritto bene Giampaola Pansa racconta in modo beffardo e con molti ricordi il mondo dei giornalisti e della televisione e li racconta in modo chiaro e trasparente cercando di dirci cosa và e cosa non và dalle faziosità politiche alla stampa di parte.
Ritieni utile questa recensione? SI NO