€ 10.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Tre uomini in bicicletta

Tre uomini in bicicletta

di Paolo Rumiz, Tullio F. Altan


Fuori catalogo - Non ordinabile
"Dove andate?" Istanbul. Confine di Trieste, ore 16, vento di Nordest. Il poliziotto sloveno confronta i ciclisti sbucati dal nulla con le foto segnaletiche sui loro passaporti. Altan Francesco, 58, vignettista. Rigatti Emilio, 47, professore. Rumiz Paolo, 53, giornalista. I tre matti in mutande aspettano davanti all'autorità costituita, si godono l'effetto della loro risposta demenziale. Sanno che l'uomo in divisa deve calcolare in fretta molte distanze anomale. Primo, tra la lentezza delle bici e la lunghezza della strada, duemila chilometri. Secondo, fra la rispettabile maturità dei viaggiatori e le loro sacche da globe-trotter. Terzo, tra la nobiltà della meta finale e la miseria che c'è in mezzo, i Balcani.

Note su Paolo Rumiz

Paolo Rumiz è nato a Trieste il 20 dicembre del 1947. Di professione giornalista, è stato inviato speciale del quotidiano Il Piccolo di Trieste. Successivamente ha iniziato a collaborare con la Repubblica, in qualità di editorialista. A partire dalla metà degli anni Ottanta si è interessato in particolare degli eventi accaduti nell’area dei Balcani e nell’area danubiana. Ha documentato la guerra dei Balcani, seguendo le diverse fasi del conflitto, prima in Croazia e poi in Bosnia ed Erzegovina. Nel 2001 è stato inviato in Afghanistan per documentare la guerra nella zona di Islamabad e Kabul.Autore di numerose opere, ha scritto numerosi reportage in cui racconta dei numerosi viaggi da lui compiuti sia per lavoro sia per piacere personale. Paolo Rumiz ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti, sia per la sua attività in qualità di giornalista sia per le sue opere di narrativa.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Paolo Rumiz:

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

5.0La bici dell'anima, 21-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
nteressante, avvincente, poetico questo viaggio di Rumiz in bicicletta da Trieste a Istambul in compagnia del silenzioso Altan e delle sue sempre pungenti vignette e del preparatissimo tecnico-ciclista prof Emilio Rigatti mai noioso, anche se la "parte" poteva esserlo.
Ho ripercorso un po' anch'io con la memoria un piccolo tratto di "Jugoslavia" fatto in treno diversi anni fa e come allora la meraviglia del viaggiatore nello scoprire i tanti volti e l'universalità delle cose.
Grande narratore Rumiz dell'andare per strade, colline, monti, natura di cose e di anime.

Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Non è poi difficile!, 12-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
In bicicletta da Trieste ad Istanbul attraverso i Balcani: impossibile?! No! Da pazzi? Forse, ma non sembrano tanto pazzi questo tre che se ne vanno a zonzo sulle bici, e non sembra poi molto difficile ripetere questa loro esperienza, o almeno qualche tratto, servendosi anche delle mappe incorporate nel libro e tirandosi su di morale con le vignette di Altan. Anzi, leggendo degli incontri con una umanità varia ed ancora pre-consumista, vien voglia di saltare in sella all'istante.
Consigliato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO