€ 11.43€ 11.55
    Risparmi: € 0.12 (1%)
Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativiMetti nel carrello
Sostiene Pereira

Sostiene Pereira

di Antonio Tabucchi

4.5

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi

Cerchi i libri per la scuola?
Consulta subito la lista dei testi adottati nella tua classe!

Agosto 1938. Un momento tragico della storia d'Europa, sullo sfondo del salazarismo portoghese, del fascismo italiano e della guerra civile spagnola, nel racconto di Pereira, un testimone preciso che rievoca il mese cruciale della sua vita. Chi raccoglie la testimonianza di Pereira, redatta con la logica stringente dei capitoli del romanzo, impeccabilmente aperti e chiusi dalla formula da verbale che ne costituisce il titolo: Sostiene Pereira? Questo non è detto, ma Pereira, un vecchio giornalista responsabile della pagina culturale del "Lisboa" (mediocre giornale del pomeriggio) affascina il lettore per le sue contraddizioni e per il suo modo di "non" essere un eroe.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Sostiene Pereira e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 8 recensioni)

4.0Ottimo, 09-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Una storia che si svolge a Lisbona nel 1938, durante l'opprimente dittatura di Salazar e l'infuriare della guerra civile spagnola. Pereira è un vecchio giornalista che lavora per la parte culturale di un giornale del pomeriggio. Prediligendo il senso mortuario della cultura con gli elogi funebri, i necrologi anticipati. Incontra Monteiro Rossi un probabile collaboratore che con la sua fidanzata Marta, riesce però a sconvolgere la vita del giornalista portandolo ad una maturazione interiore e una dolorosa presa di coscienza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Sostiene Pereira, 31-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Per quanto mi sforzi, a questo libro non riesco a dare più di 4 Dico la verità, è il libro che mi ha dato meno, fra quelli letti di Tabucchi. Ma la potenza politica e civile di ciò che tratta lo rende in qualche modo fondamentale. Un uomo qualunque e desideroso di rimanere tale coinvolto da un'energia interiore ad abbandonare le sue sicurezza, omelette comprese, per ribellarsi ad una dittatura che oserei definire globale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Sostiene Pereira, 23-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Regalo di un fervente divora-libri, mio ex compagno di università. MSostiene Pereira è l'elegia dell'uomo mite che si trova ad affrontare i cambiamenti della Storia. Può un uomo qualunque, malinconico e solitario, a tratti apolitico e disinteressato alla cosa pubblica, trovare se stesso e affermare la propria indipendenza nei confronti di una dittatura subdola come quella salazariana?
Parafrasando l'autore, sostiene Pereira che sì, si può, di fronte ai cambiamenti della Storia che non possono essere taciuti. Soprattutto se la propria confederazione delle anime, spinta da nuove conoscenze, si trova ad essere dominata da un nuovo io, forse quello vero.
Il romanzo di Tabucchi è uno di quei rari casi di letteratura che ti prende dolcemente, pagina dopo pagina e che diventa ogni nuovo capitolo sempre più un'esigenza.
Il malinconico Pereira è un personaggio straordinario perché in egli facilmente è possibile identificarsi: non un eroe, ma un uomo con una coscienza civile che gradualmente apre gli occhi di fronte alla realtà in divenire. Non è facile credere che chiunque al suo posto ne sarebbe in grado. Infatti, sinceramente ne dubito. E per questo, per la sua qualità di archetipo della possibilità, Pereira assume una rilevanza ancora maggiore, soprattutto in nuovi tempi subdoli e perniciosi come i nostri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Sostiene Pereira, 15-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Che dire? Io credo che Tabucchi abbia avuto il grande merito di saper delineare stupendamente una storia, un personaggio, il clima, atmosferico e politico, di una Lisbona d'agosto del 1938. Ha afferrato per la coda la storia e l'ha fissata ben dentro gli occhi del lettore e nella sua anima. Da leggere. Per forza. E da rileggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0uno libro straordinario, 05-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Il modo in cui Tabucchi riesce a descrivere, pur con semplicità, una storia cosi profonda, è fantastico! La storia di un giornalista che conduce una vita sotto la dittatura di Salazar, inizialmente disinteressato a ciò che accadeva, ma che alla fine si ribella e trova il modo di essere libero. Un libro che consiglio a tutti, un libro che lascia il segno.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Libertà di pensiero, libertà di vita, 31-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Meraviglioso romanzo. Breve, le pagine scorrono veloci emoziondando il lettore immerso nelle atmosfere del Portogallo anni '30.
E' un inno alla libertà di pensiero e alla doverosa azione che deve sostenerlo: la denuncia dei soprusi è il primo dovere di un ' intellettuale e dunque di ogni Uomo.
L'attempato e malato Pereira trova un cantuccio nella memoria di chi lo ha conosciuto e di chi si è emozionato con lui
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Un classico, 12-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro è per me un classico. Scrittura elegante ma scorrevole storia intrigante. Consigliatissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0brillante, 07-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei migliori libri che io abbia mai letto. Sono stato costreetti diversi anni fa a leggerlo per una relazione scolastica. Ma subito me ne sono innamorato e ora lo consiglierei davvero a tutti. Soldi e tempo ben spesi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO