La Repubblica delle tasse. Perché l'Italia non cresce più

La Repubblica delle tasse. Perché l'Italia non cresce più

di Luca Ricolfi


  • Prezzo: € 18.00
  • Nostro prezzo: € 15.30
  • Risparmi: € 2.70 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Rizzoli


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

"Dovremmo avere il coraggio di dire che le tasse sono una cosa bellissima." Quando nel 2007 Padoa-Schioppa rilasciò questa dichiarazione, furono in molti, a destra come a sinistra, a storcere il naso. Eppure, che ci piaccia o no, aumentare la pressione fiscale è da sempre la ricetta italiana per tentare di far quadrare i conti. Il gioco al rialzo prosegue ininterrotto dalla nascita della Repubblica, ma dalla fine degli anni Ottanta ha preso un ritmo tale da immobilizzare il Paese. Al tempo stesso, per racimolare consensi, i governi hanno alimentato a dismisura il debito e la macchina della spesa pubblica, dando vita a un circolo vizioso che ci ha progressivamente mossi in ginocchio. Oggi che la crisi ha svelato le nostre debolezze, le conseguenze di questo stillicidio economico sono evidenti in modo drammatico: peggioramento del tenore di vita, disoccupazione giovanile, indebolimento dello Stato sociale. Pagare si deve, su questo non c'è dubbio, ma una classe politica responsabile dove capire chi e quanto tassare. L'Italia in questo ha storicamente dimostrato una miopia bipartisan: né la destra né la sinistra hanno capito che por rilanciare un Paese bisogna dare ossigeno a chi produce, riducendo tasse gravosissime come l'Irap. Uomo di sinistra, liberale e riformista convinto, Luca Ricolfi esprime in questo libro tutto il suo dissenso noi confronti di una classo politica che si è fatta eleggere promettendo meno tasse e che invece ha ripiegato su interventi di contenimento come le ultime manovre.

Note sull'autore

Luca Ostilio Ricolfi è nato a Torino nel 1950. Dopo il diploma di maturità, si è iscritto alla facoltà di Filosofia dell’Università degli Studi di Torino, dove nel 1973 ha conseguito la laurea. Tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, ha collaborato alla stesura dei rapporti sui giovani sviluppato dall’Istituto Iard. Nel 1990 ha iniziato a svolgere la professione di docente universitario presso l’Università di Modena, dove teneva il corso di Sociologia. Successivamente, nel 1992, è passato all’ateneo torinese, dove nel 1999 è divenuto professore ordinario. In ambito accademico ha insegnato Psicometria e Analisi dei dati alla facoltà di Psicologia. E’ autore di numerosi testi universitari di Statistica e ha scritto alcuni saggi in cui ha analizzato la scena politica italiana. E’ responsabile scientifico dell’Osservatorio del Nord Ovest, direttore della rivista di analisi elettorale Polena e membro dell’European Academy of Sociology. Collabora con alcune importanti testate giornalistiche italiane, è editorialista de La Stampa e tiene una rubrica sul periodico Panorama. Luca Ricolfi è sposato con la scrittrice Paola Mastrocola.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro