€ 10.90
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il passato è una terra straniera

Il passato è una terra straniera

di Gianrico Carofiglio

4.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
Giorgio, studente modello figlio di intellettuali borghesi, ha ventidue anni e una vita normale e un po' noiosa. Senza crepe, in apparenza. Francesco è torbido, misterioso e affascinante. E baro. Le loro vite viaggiano separate fino all'incontro che segnerà il destino di entrambi. I due diventano amici e passano da una partita di carte truccata all'altra, da una bravata all'altra, in un vortice ubriacante che a poco a poco diventa un'inarrestabile discesa agli inferi. In parallelo corre un'indagine dei carabinieri su una serie di misteriose violenze. Una storia struggente sull'amicizia e il tradimento. Un'avventura picaresca in una Bari segreta e allucinata.

Note su Gianrico Carofiglio

Gianrico Carofiglio è nato a Bari il 30 maggio del 1969. Oltre ad essere uno scrittore ricoprì anche il ruolo di magistrato e di senatore della Repubblica Italiana. Esordì nella narrativa con il libro Testimone inconsapevole (Sellerio, 2002). Nel settembre del 2005 vinse il premio Bancarella con il romanzo Il passato è una terra straniera (Rizzoli, 2004). Con la sua attività di scrittore ha venduto più di cinque milioni di libri.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4.2 di 5 su 20 recensioni)

5.0Il passato è una terra straniera, 22-08-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Giorgio, ventidue anni, figlio di intellettuali borghesi, studente modello, trascorre una vita normale fino a che ad una festa non incontra Francesco, un giovane dotato di un grande carisma e di un fascino misterioso e oscuro. Francesco vive barando a carte e ritiene di poter plasmare così il suo destino. Giorgio si fa guidare da Francesco attraverso partite truccate, viaggi, letti senza amore con donne di lusso annoiate, imparando a muoversi in quei luoghi dove la buona e la cattiva società barese si confondono. In tutto questo Giorgio vede l'immagine che aveva di se stesso mutare e trasformarsi in qualcosa che lui stesso teme.
Intanto il giovane tenente Chiti indaga su una serie di stupri che sta avvenendo a Bari.
Carofiglio crea un romanzo a metà fra il romanzo di formazione più duro e crudo, il romanzo psicologico e un thriller, creando una specie di thriller psicologico. In questo libro l'autore utilizza un sapientemente un mix fra narrazione in prima persona (come avviene nei libri dell'avvocato Guerrieri) e narrazione in terza persona. Grazie soprattutto all'uso della narrazione in prima persona il narratore riesce facilmente ad immedesimarsi nel protagonista. Sempre come avviene nei suoi legal thriller Carofiglio usa con abilità l'analisi della psicologia dei suoi personaggi facendone risaltare l'anima tormentata.
Il ritmo della narrazione cresce nella seconda e nella terza parte. Lo stile semplice e asciutto tipico della scrittura di Carofiglio rende il ritmo scorrevole appassionando il lettore.
Il libro, sicuramente uno dei migliori dell'autore, è vivamente consigliato a qualsiasi lettore soprattutto a coloro che già amano Carofiglio e a coloro che vogliono scoprirlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0I suoi libri rapiscono......, 27-01-2012, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Con Carofiglio e' sempre la solita storia. Ti dici "e' una vicenda stupida, banale, adesso smetto" invece ti trovi a continuare a leggere. T'inchioda alla pagina e non te ne accorgi. Scrive in maniera superba, naturale, e ti da l'impressione di essere uno scrittore per caso, come i suoi protagonisti: giocatori per caso, avvocati per caso, detective per caso. Libro soave ma intenso, intrigante e magnetico, ma forse per una volta cambierei aggettivo. In questo libro Carofiglio e' "accattivante", affascinante, quasi seducente. Se fossi una donna impazzirei per lui, al di la' del suo fisico, mi basterebbe leggerlo. Storia di un giovane e di un periodo della sua giovinezza, quando si e' scapestrati, quando non si vuole crescere, nonsi vuole o non si sa diventare adulti. "Il passato, dice Carofiglio, e' una terra straniera (ecco il titolo) : le cose avvengono in modo diverso da qui. I giorni che caratterizzano la gioventu' sono fragili in tutto cio che accade. Accade per la prima volta e ci segna in modo indelebile nel bene e nel male" Sono d'accordo ma aggiungerei, quasi a scusare il protagonista, che tutti noi abbiamo un passato e qualcosa di cui vergognarci, che ci fa credere in qualche modo di essere vigliacchi ma onestamente credo che la vera vigliaccheria consista nel non riuscire a dire "grazie" a chi veramente ci ha aiutati.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Bel romanzo, 10-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho letto questo libro di Carofiglio dopo averne apprezzato le grandi capacità nell'aver creato il personaggio dell'avvocato Guerrieri. Il libro è molto ben scritto e la trama è sin dalle prime pagine molto coinvolgente e ci presenta uno spaccato della realtà del sud Italia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il passato è una terra straniera, 15-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Piacevole. Scorrevole. Accattivante. Una buona narrativa. La storia forse è un po' stiracchiata: poco plausibile, però non per questo meno avvincente: in fondo è un romanzo, che ci si può aspettare di più! Mi sembra su un altro piano rispetto ai racconti che vedono protagonista l'avvocato Guerrieri. Forse perché l'autore lo vive come un alter ego o solo per una maggiore aderenza alla realtà, non so! Comunque in sostanza non mi è dispiaciuto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il passato è una terra straniera, 10-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il passato è una terra straniera è sconvolgente... Scritto da dio, scorrevole, appassionante... la storia è incredibile. E' incredibile come Carofiglio riesca a descrivere stati d'animo quotidiani con rapide pennellate, non più di una o due parole. Ti lascia senza fiato, ti riempie. E' pieno di frasi che ti si stampano nella memoria, il protagonista diventa tuo amico nonostante le inconfessabili cazzate che fa... E' fascinoso, come le strade di Bari, la discesa agli inferi e contemporaneamente il racconto dell'indagine condotta da un tenente dei carabinieri su una serie di misteriose violenze... Merita di essere riletto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0magnifico, 08-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo ben scritto ed avvincente.Leggendolo vi appassionerà,facendovi scoprire lo stile(per me magnifico e inconfondibile)di Carofiglio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0un ottimo autore, 04-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Carofiglio già nel suo romanzo di esordio si dimostra un ottimo autore. Sa appassionare il lettore, sa scrivere trame avvincenti, sa descrivere quasi plasticamente i protagonisti; tutto queso lo si ritrova in questo romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Con Carofiglio non si sbaglia mai, 20-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
L'assenza dell'avvocato Guerrieri non si sente in questo bel libro di Carofiglio ce ci conduce in un mondo torbido, fatto di sesso droga e poker.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0importanza del passato, 19-10-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Bellissimo questo primo romanzo di Carofiglio. Tema centrale l'importanza del passato che ritorna nella vita di un uomo che si ritrova a ripensare alle sue esperienze da ragazzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Consigliato!!, 19-10-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Primo libro letto di Carofiglio, l'ho divorato! non lo definerei affatto un thriller come fanno sul risvolto di copertina, perchè ciò che ti tiene legato a un thriller è sapere chi è il colpevole, in questo libro ben presto capisci chi è il colpevole, ma poco importa, vai avanti comunque perchè la scrittura di Carofiglio ti tiene legata, ti incanta il suo modo di scrivere senza fronzoli ed asciutto, una via di mezzo tra de carlo e veronesi, ma meno pomposo e artefatto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il passato è una terra straniera, 11-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Bravo Carofiglio anche quando si cimenta in un genere diverso, lo preferisco nei soliti gialli però, dove mi pare sia già uno "originale".
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Promosso!, 27-09-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Primo romanzo di Carofiglio che leggo e devo dire che mi è piaciuto moltissimo. La storia è avvincente (non tanto per sapere il CHI quanto per il COME) e ben scritta, lo stile è asciutto e non si perde troppo in inutili lungaggini. Promosso a pieni voti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il passato è una terra straniera (20)