€ 8.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il padiglione d'oro

Il padiglione d'oro

di Yukio Mishima

4.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Universale economica
  • Edizione: 11
  • Traduttore: Teti M.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2009
  • EAN: 9788807809958
  • ISBN: 8807809958
  • Pagine: 256

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Yukio Mishima:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

4.0Un capolavoro, 25-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Capolavoro assoluto di Mishima e meraviglioso esempio di letteratura contemporanea, il racconto di un giovane monaco profondamente turbato dalla bellezza e perfezione del tempio buddhista noto come Padiglione d'oro. La presa di coscienza della caducità umana in contrapposizione al perpetuarsi nel tempo dell'incanto dell'edificio è narrata in questo romanzo con una assoluta maestria, tanto da farne un capolavoro di introspezione psicologica. Lo sconvolgente finale - fatto peraltro realmente accaduto - rappresenta uno dei momenti più terribili mai descritti in un romanzo. Assolutamente da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Sublime, 11-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Prendendo spunto da un episodio realmente avvenuto nel 1950, Mishima racconta con le modalità e gli accenti che gli sono propri la storia di Mizoguchi, giovane monaco che diede fuoco al Kinkakuji, un quattrocentesco santuario zen di Kyoto.
Si tratta nel complesso di un libro molto interessante con meravigliose descrizioni naturali, una Natura in parte pittoresca e in parte sublime, sempre presente, pressante e dominatrice.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il padiglione d'oro, 09-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
La scrittura di Mishima è straordinariamente ricca e complessa.
questo libro è stato il mio primo incontro con questo scrittore, casuale perché suggeritomi, dato che il "protagonista" è un monaco balbuziente. curiosamente, tra l'altro, la balbuzie non è rappresentata nel testo, "c'è ma non si vede/sente", per così dire.
un libro sulla potenza terrificante della bellezza, e sulla distanza incolmabile tra essa e l'uomo.
ma oggi dovrei rileggerlo, sono passati davvero molti anni da allora.
Ritieni utile questa recensione? SI NO