€ 34.00€ 40.00
    Risparmi: € 6.00 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come
Il governo di sé e degli altri. Corso al Collège de France (1982-1983)

Il governo di sé e degli altri. Corso al Collège de France (1982-1983)

di Michel Foucault


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Campi del sapere
  • Traduttore: Galzigna M.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2009
  • EAN: 9788807104510
  • ISBN: 8807104512
  • Pagine: 400
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Feltrinelli
Nel corso che tiene nel 1983, Michel Foucault, già malato, continua la sua rilettura della filosofia antica e inaugura la ricerca sulla nozione di parresia (dire la verità, parlar franco). L'attività della parresia si configura come pratica di libertà, collocata in uno spazio di "esteriorità" rispetto alle istanze di potere. Attraverso lo studio di questa nozione, Foucault torna a interrogarsi sul significato di cittadinanza nella Grecia antica e mostra come il "coraggio della verità" - assolutamente evidente nella posizione antagonista dei cinici - costituisca il fondamento etico dimenticato della democrazia greca. Con la decadenza della polis, il coraggio della verità si trasforma e diventa il modo con cui il filosofo esercita la sua direzione sulla formazione dell'anima del principe e quindi sul governo degli altri. Nel rileggere i pensatori greci, Foucault costruisce una figura di filosofo in cui si riconosce: ciò che va definendo è la propria appartenenza alla modernità, il proprio ruolo di filosofo, il proprio modo di pensare e di essere.

Note su Michel Foucault

Paul Michel Foucault nasce a Poitiers, in Francia, il 15 ottobre 1926. Nel 1940, per volere del padre, studia presso un collegio gestito dai frati, ma la madre fa impartire al figlio anche lezioni private di Filosofia. Dopo le scuole primarie, studia nel prestigioso Lycée Henri-IV di Parigi per poi essere ammesso, nel 1946, all’École Normale Supérieure, dove studia presso la cattedra di Maurice Merleau-Ponty e di Louis Althusser. Nel 1948 si laurea in Filosofia e nel 1950 in Psicologia. Vive la sua omosessualità in maniera disagiata, arrivando a tentare il suicidio e ad abusare di alcolici. Inizia a lavorare come psicologo nel 1952, presso l’hopital Sainte-Anne di Parigi. Dal 1954 al 1958 insegna Francese all'università di Uppsala, Varsavia ed Amburgo. Nel 1961 presenta la sua tesi di dottorato, che rappresenta anche la sua prima opera, dal titolo "Storia della follia nell'età classica". Nello stesso periodo incontra Daniel Defert, studente di Filosofia che diventerà il suo compagno. Negli anni Sessanta si sposterà molto, prima in Tunisia assieme a Defert, poi in Brasile e di nuovo in Francia. Nello stesso periodo pubblica importanti opere, tra cui "Le parole e le cose" (1966), un best-seller. Nel 1970 viene eletto professore al Collège de France alla cattedra di Storia dei Sistemi di Pensiero, posizione che ricoprirà per tutto il resto della sua vita. Importanti sono stati anche i suoi studi sulla sessualità, che hanno dato vita ad un opera di tre volumi, dal titolo "Storia della sessualità". Morì a Parigi il 26 giugno 1984, a causa di una malattia legata all'AIDS.
 

Altri utenti hanno acquistato anche: