€ 12.00
Fuori catalogo - Non ordinabile

Disponibile in altre edizioni:

Esco a fare due passi
Esco a fare due passi(2016 - brossura)
€ 11.00 € 9.35
Disponibilità immediata
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Esco a fare due passi

Esco a fare due passi

di Fabio Volo


Fuori catalogo - Non ordinabile
Il protagonista di questo libro è Nico. Ventotto anni, un lavoro di deejay radiofonico, un discreto successo con le donne, Nico vive una vita felice, ma si sente profondamente immaturo, un adolescente intrappolato nel corpo di un uomo e senza alcuna volontà di crescere. Come un bambino, del tutto privo di pudori e inibizioni, Fabio Volo ci accompagna in un divertente viaggio nell'universo giovanile, il proprio corpo come unica bussola. Sesso, canne, musica, amicizia e tanta voglia di mettere a nudo la parte di noi che teniamo nascosta, con la polvere, sotto il tappeto.

Note su Fabio Volo

Fabio Volo, nome d'arte di Fabio Bonetti, nasce il 23 giugno 1972 a Calcinate, in provincia di Bergamo. Il suo esordio come scrittore è preceduto da altre numerose attività che lo hanno reso uno dei protagonisti del panorama mediatico italiano. Dopo aver preso la licenza di scuola media, inizia a lavorare come panettiere nella panetteria di famiglia per poi tentare la carriera musicale, prima come batterista e poi come cantante incidendo alcuni singoli per la casa discografica bresciana Media Records. Nel 1996 fa la sua prima apparizione nel mondo radiofonico diventando presto uno dei personaggi di punta di Radio Capital. L'esordio in televisione avviene nel 98, quando conduce accanto a Simona Ventura e Andrea Pellizzari il programma di Italia 1 "Le iene". Nel 2000 torna in radio, questa volta per Radio Deejay, dove conduce il seguitissimo programma "Il volo del mattino" e inizia anche la sua attività come scrittore pubblicando il suo primo romanzo dal titolo "Esco a fare due passi", che vende 300.000 copie. Nel 2001 inizia la collaborazione con MTV e La7. I programmi che condurrà per MTV sono "Ca' Volo" (2001), "Italo-spagnolo" trasmesso in diretta da un attico a Barcellona (2006), "Italo-francese" in diretta da Parigi (2007) e Italo-americano, dagli Stati Uniti (2008). L'esordio nel mondo del cinema è del 2002 con "Casomai" di Alessandro D'Alatri, a cui segue "La Febbre", "manuale d'amore 2", "Bianco e nero" e "Matrimoni e altri disastri". La sua attività come scrittore prosegue parallelamente agli impegni radiofonici e televisivi. Il suo secondo libro, "E' una vita che ti aspetto" esce nel 2002. Nel 2006 pubblica "Un posto nel mondo" a cui seguono "Il giorno in più" (2007), "Il tempo che vorrei" (2009) e "Le prime luci del mattino", del 2011, anno in cui esce anche il film "Il giorno in più" tratto dal suo omonimo romanzo e in cui recita nel ruolo di protagonista. Collabora con importanti riviste e ha all'attivo alcune raccolte di CD musicali.  

I libri più venduti di Fabio Volo:

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.3 di 5 su 25 recensioni)

2.0Semplice ma..., 24-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro è semplice, scorrevole, semplice da leggere anche per chi non conosce bene la lingua. Ma per chi pensa di leggere un gran bel romanzo, sconsiglio questo libro, composto principalmente da frasi poetiche che fanno colpo sul lettore ma non hanno e non danno un senso complessivo al libro...
Molto meglio i libri precedenti...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Volo non prende il "volo", 14-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ecco, questo libro l'ho scelto dopo aver letto gli ultimi libri di questo autore che sinceramente mi erano molto piaciuto. Questo invede lascia il tempo che trova. Lo finisci di leggere perchè comunque è scorrevole, ma è un ammasso di parole e di frasi senza senso. Messe una di fianco all'altra per fare colpo sul lettore.
Un libro non-senso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Esci a fare due passi, 08-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Meglio fare due passi o leggere questo pseudo romanzo? Meglio fare due passi. La semplicità disarmante dello stile, la banalità di alcune riflessioni, l'essere didascalico in ogni frase, ha l'unico pregio di poter essere compreso anche da uno straniero che non conosce la lingua. Si può credere che sia un libro simpatico, ma la vuotezza di fondo ne rende la lettura fastidiosa. Sconsigliato, soprattutto ai ragazzini. Le vere letture sono altre.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Esco a fare due passi, 07-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Chiunque abbia una minima conoscenza dell'autore sa già cosa si troverà per le mani quando compra un libro di Fabio Volo: un romanzo scontato che tratta temi attuali con una banalità incredibile. Le pagine scorrono velocemente e tutto sommato la lettura risulta piacevole, ma manca la profondità per raggiungere veramente chi legge.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Esco a fare due passi, 05-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Personaggi superficiali e poco approfonditi, situazioni prevedibili e conclusioni scontate ma scrittura veloce, poco impegnativa e tutto sommato coinvolgente. Come ogni scrittore, Volo ha i suoi pregi e i suoi difetti, e ognuno riesce a trovarci qualche esperienza personale mentre lo si legge. Niente di più.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Esci e non tornare! , 02-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Volo che racconta se stesso a se stesso in una pseudo lettera, tirando le somme della sua vita. Simpatico ma niente di più. Il libro è un'analisi di quello che è stato ma non lascia nulla al lettore, neanche una riflessione. E' come un pensierino di un bambino delle elementari, eccessivamente semplicistico e scritto in maniera reprensibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Si può amarlo... O anche no!, 26-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Vi è mai capitato di prender carta e penna e far duo conti con la vostra vita ? AMORE, LAVORO, AMICIZIA, VIZI, FUTURO... Beh, in questa sorta di AUTOBIOGRAFIA, FABIO VOLO ci fa entrare nel suo mondo, fatto non solo di "sesso, droga e rock'n 'roll" ma anche di giuste, concrete riflessioni! E mai come ora tali riflessioni sono davvero cosi attuali... Comunque sia, da leggere! Ti tira su e sa strapparti qualche risata e forse, anche qualche piccoloa lacrima..
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Delusione, 16-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho letto un pò di libri di Fabio Volo e per me questo è il peggiore, non mi ha toccato per niente, l'unica idea carina è quella di scrivere una lettera a se stesso per vedere i suoi cambiamenti, ma per il resto lascia a desiderare, è anche un po' sconcio nel raccontare le sue avventure sessuali. C'è di meglio!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Volo.., 29-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Primo libro di Fabio Volo che leggo, si carino ma non penso che ne comprerò un altro almeno per adesso, scrive una lettera a se stesso dove fa delle riflessioni sulla sua vita e racconta degli episodi secondo lui importanti, l'ho trovato carino ma niente di più, forse anche un pò volgare secondo me.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Esco a fare due passi, 30-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro toccante, proprio come Fabio Volo sa fare. Si tratta di una lettera che egli decide di scrivere a sé stesso... Questa, è ricca di grandi descrizioni di scene di vita vissuta, di pensieri, di emozioni che ci fanno rivivere momenti passati della nostra vita. A ciascuna di queste descrizioni viene aggiunta una riflessione momentanea, che cattura ancor di più la nostra attenzione, per questo Fabio Volo è unico! E per questo riesce a suscitare l'interesse del lettore che divora letteralmente i suoi libri. A mio parere credo sia troppo volgare in alcuni tratti
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Si ride per non piangere, 27-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che avrei potuto scrivere a dieci anni, e sicuramente con più stile e senso narrativo. A tratti gratuitamente volgare, decisamente surreale anche se abilmente mascherato, furbo nello svelare particolari inconfessabili e intimi di ogni ragazzo, filosoficamente insufficiente, non riesco a spiegarmi come questo libro e questo autore possano vendere tanto. Ah, forse lo so: come letteratura comica. Effettivamente, fa ridere! Per non piangere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Carino, 30-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Diciamo che mi aspettavo di meglio. Non è un libro che mi ha colpito ed entusiasmato molto in particolare per il semplice fatto che l'autore, Fabio Volo, si soffermi troppo e molto spesso su certi avvenimenti ripetendo in alcuni casi sempre le stesse cose ed è per questo che lo definirei troppo ripetitivo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Esco a fare due passi (25)