€ 8.46€ 9.00
    Risparmi: € 0.54 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Controcorrente

Controcorrente

di Joris-Karl Huysmans

4.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: I grandi libri
  • Edizione: 21
  • Traduttore: Sbarbaro C.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2008
  • EAN: 9788811361077
  • ISBN: 8811361079
  • Pagine: XXI-222
  • Formato: brossura
"Controcorrente", tipica espressione dello spirito decadente, avvia la transizione alla complessità e alle inquietudini del gusto letterario moderno. Il protagonista, rifiutando l'insostenibile mediocrità del mondo contemporaneo, si ritira in una sorta di squisita clausura, popolata di sogni, di profumi esotici e di artificiose bellezze, alla quale deve poi rinunciare a causa di profondi turbamenti psichici. "Ma perché questo nevrotico - scriveva Maupassant recensendo il libro - mi appare come un uomo che, se esistesse, sarebbe il solo uomo intelligente, saggio, veramente idealista e poeta dell'universo?"

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Controcorrente acquistano anche L' Assommoir di Émile Zola € 9.40
Controcorrente
aggiungi
L' Assommoir
aggiungi
€ 17.86

Prodotti correlati:

I libri più venduti di Joris-Karl Huysmans:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Controcorrente e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.4 di 5 su 5 recensioni)

5.0Radicale, 06-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Testo fondamentale per comprendere l'evoluzione letteraria che porterà alla nascita del decadentismo, Controcorrente è un romanzo molto particolare.
Scritto con uno stile difficile ma estasiante rivelantesi nelle lunghissime e raffinatissime descrizioni che suppliscono alla esiguità della trama, descrive la malriuscita fuga dalla "socialità" da parte di Des Esseintes, personaggio controverso, colto da una malattia nervosa e da repulsione fisica e morale nei confronti del "Progresso" acclamato dal positivismo ottocentesco.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Controcorrente, 04-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un testo fondamentale del decadentismo, essenziale per capire le radici di quella che è la letteratura moderna e contemporanea. Uno degli apici raggiunti dall'arte romanzesca del secolo scorso. Alla lettura dopo un po' rimane un po' pesante, anche se i pareri su arte, letteratura... Ecc. Sono interessanti eo divertenti. Des Esseintes è un personaggio chiave della storia della letteratura, indimenticabile nella sua nevrosi e nella sua decadenza!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il genio e la decadenza, 27-07-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Huysmans è assolutamente geniale e profeta in questo capolavoro di perversione, di accidia, di estetismo e malvagità. La scelta di un ascetismo tutt'altro che di privazione dell'ambiguo protagonista è una raffigurazione perfetta per descrivere una certa intera condizione umana. Nondimeno a ciò si aggiungono i ricordi delle avventure passate e fin dall'inizio si riconosce un lento abbandonarsi all'abisso. Impareggiabile la tentazione di Auguste Langlais: il solo episodio vale l'intero libro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0il manifesto del decadentismo, 20-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
La Bibbia del Decadentismo. Di certo, non un libro facile e per tutti i palati. Alcune parti, troppo prolisse, risultano un po' noiose, ma è il prezzo da pagare per immergersi nelle atmosfere fascinose e morbosamente idilliache di cui si circonda l' esteta Des Esseintes, impegnato a creare la bellezza artificialmente. E' stato scritto nel 1884, ma le tematiche sono attuali più che mai, considerando che in quest'epoca di non artificiale e non artificioso è rimasto ben poco.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Controcorrente, 20-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo ingiustamente sottovalutato, grazie al quale si evolve la storia stessa della narrativa del XIX sec. Des Esseintes è il fiore del decadentismo francese, non solo per la raffinatezza dei gusti e la fuga dalla stupidità contemporanea, ma anche e soprattutto per l'inquietudine spirituale e per l'insaziabile senso di vuoto. L'intero romanzo ruota attorno ad un unico personaggio, come ha giustamente notato Wilde, alla continua ricerca di nuovi e delicati modi (arte, letteratura, poesia, ma anche botanica, profumeria e, ovviamente, il delitto e la lussuria) di vivere la vita come un capolavoro artistico. Le poesie di Baudelaire sono la Bibbia di Des Esseintes, volontario eremita dell'estetismo, ed anche il perocrso interno dei Fleurs è in più punti sovrapponibile alla trama del romanzo (fuga dalla massa, voluttà, noia, malessere, disperazione, ribellione e resa all'ignoto). Un romanzo da leggere, anche come punto di svolta della vita di Huysmans (inizialmente realista del circolo di Mèdan, qui decadentista, in seguito cattolico e frate trappista). Alcune pagine un po' noiose, o sentenziose, alcune recensioni letterarie ormai inutili per il lettore moderno (ma resta uno dei primi a valorizzare Verlaine e Mallarmé ed a scoprire Rimbaud), e l'angusto orizzonte in cui la trama è rinchiusa sono gli unici punti deboli del romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO