Cerca
 
Start
 

Castelli di rabbia

Castelli di rabbia

3.5

di Alessandro Baricco


  • Prezzo: € 8.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

A Quinnipak c'è una locomotiva di nome Elizabeth, la locomotiva del signor Rail. A Quinnipak si suona l'umanofono, lo strumento del signor Pekish. Quinnipak è un luogo dove chi vive o chi ci arriva ha una storia scritta addosso. Quinnipak è un luogo che invano cerchereste sulle carte geografiche. Eppure è là. Il libro è uscito per la prima volta nel 1991.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Castelli di rabbia acquistano anche Avrò cura di te di Massimo Gramellini € 13.60
Castelli di rabbia
aggiungi
Avrò cura di te
aggiungi
€ 21.60

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Recensioni degli utenti


Scrivi una nuova recensione su Castelli di rabbia e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 24 recensioni)


5.0Il Tarantino della letteratura, 13-08-2013
di S. Fazzi - leggi tutte le sue recensioni

Castelli di rabbia e' uno dei libri di Baricco che ho apprezzato di più. Un po' confusionario, è vero, ma credo sia questo l'intento. Sembra quasi come se fosse stato scritto di getto, di impulso, di cuore. Così mi immagino l'autore seguire il flusso delle proprie emozioni durante una notte particolarmente tormentata, in cui i pensieri vengono a galla tutti insieme. Alcuni passaggi li ho trovati di un'intensità stravolgente, con descrizioni incalzanti che non lasciano tempo al respiro. Questo è Baricco.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


3.0L'ho trovato un po' confusionario..., 29-05-2012
di E. Alex - leggi tutte le sue recensioni

Un po' - molto - confusionario, per la verità. Non è come gli altri libri dello stesso autore, da cui, infine, si riesce a trarre una trama abbastanza unitaria. Con questo accade il contrario. Allo stesso modo inizia il romanzo, così termina, in quella confusione che non arriverà mai ad una conclusione.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


2.0Irritante, 18-05-2012
di S. Barbieri - leggi tutte le sue recensioni

Mah! Che ci sarà in questo libro di bello? L'ho trovato irritante alla fine, non ho apprezzato lo stile piuttosto costruito con quei periodi ripetuti e quei personaggi irreali... Surreali... Non so come definirli, che in altre opere, di altri autori intendo, sono magari il valore aggiunto; qui sono spiacevolmente "intenzionali". Ecco, credo che spesso in Baricco si avverta purtroppo "l'intenzionalità" estetica della sua scrittura.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0O scene di vita quotidiana, 15-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di M. Rossi - leggi tutte le sue recensioni

Magnifico esempio di letteratura contemporanea soprattutto se si considera che è stato scritto da Baricco all'età di 33 anni. Il romanzo presenta una storia realistica che non è mai banale grazie ad un'accurata scelta linguistica e stilistica; non mancano anche i riferimenti ad un linguaggio quotidiano.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


3.0Se gli altri..., 24-03-2012
di M. Otto - leggi tutte le sue recensioni

Se gli altri libri di Baricco mi hanno entusiasmata, resa "indipendente" dal suo stile, e compiaciuta per la sua arte di mettere parole una dietro l'altra in un modo così armonioso e complesso tra di loro, questo libro ha innescato l'esatto contrario.
Lo stile sempre impeccabile, ma in questo libro risulta confusionario. La trama è intrecciata senza seguire un vero filo logico, solo le pagine finali del libro rappresentano quelle più importanti.
Per me questo libro non è tra i più belli di Baricco.


Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


1.0Castelli di rabbia, 20-03-2012
di G. Villa - leggi tutte le sue recensioni

Al termine della lettura mi è venuta un po' di rabbia che potrei riassumere così: tanta apparenza e nessun contenuto. Ho l'impressione di essere stato raggirato dall'autore che in alcune parti infila frasi su frasi che a lungo andare non vogliono dire niente. Alcuni concetti espressi nelle pagine mi fanno comprendere il motivo del suo successo, ma le parti tediose, con periodi riproposti all'infinito con ostentata pomposità arrivano a sfiorare il ridicolo. Per me, quasi, il nulla.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Castelli di rabbia, 14-03-2012
di C. Morabito - leggi tutte le sue recensioni

Se in "Oceano Mare" predomina un'ambientazione fuori del tempo dello spazio, in "Castelli di rabbia" forse si potrebbe azzardare una collazione spazio-temporale, ma sarebbe comunque pericoloso e frustrante. I personaggi sono carichi di emozioni, di desideri, di voglia di cambiamento, dinamici, sono mere fantasie eppure così vivi! Uno dei libri più affascinanti di Baricco, assolutamente da leggere!

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Castelli di rabbia, 08-08-2011
di L. Figertu - leggi tutte le sue recensioni

In Baricco lo stile è tutto, e anche questo romanzo non fa eccezione, la storia in sè non dice molto ma questo può essere un vantaggio: infatti credo sia uno di quei libri che possono essere letti più di una volta, proprio perchè la trama non è fondamentale quanto lo stile di scrittura sempre volto a sorprendere, sempre piacevole.
Mi è piaciuto particolarmente l'episodio delle due bande che suonano nella cittadina.


Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Castelli di rabbia, 14-07-2011
di M. Ambasso - leggi tutte le sue recensioni

Me lo presto' , per mia fortuna, una donna che me ne aveva parlato con toni entusiasti. Arrivato a metà non ce la faccio più. Non solo l'argomento del libro in pratica non esiste; non solo i ghirigori verbali dell'autore sono assolutamente gratuiti; non solo non c'è ritmo e non ci sono personaggi e non ci sono i luoghi; non solo è riciclaggio malfatto di Italo Calvino e altri scrittori immensamente superiori; ma Baricco non sa neanche che i fucili non hanno un manico (sono mica padelle!) ma un calcio. E se tutto posso perdonare a un autore che gioca a fare il virtuoso della lingua, non gli posso far passare l'uso sciatto dell'italiano. Ora però mi chiedo una cosa: come mai piace a così tanta gente? Mah, forse, semplicemente, non hanno mai letto niente di meglio.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


2.0Non tra i migliori, 06-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 3
di M. Pelucchi - leggi tutte le sue recensioni

"Castelli di rabbia" non è senza dubbio la migliore opera di Alessandro Baricco (mi riferisco ai romanzi) . Si sente che la potenzialità narrativa dell'autore è ancora in nuce, ma alcune pagine sono molto appassionanti. Da leggere per avere una visione complessiva dell'opera dell'autore, ma non indispensabile.

Ritieni utile questa recensione? SI  NO