€ 7.23
Fuori catalogo - Non ordinabile

Disponibile in altre edizioni:

Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico
€ 7.50 € 7.05
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico

Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico

di Paul Watzlawick


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Feltrinelli
  • Collana: Idee
  • Edizione: 8
  • Traduttore: Ganni E.
  • Data di Pubblicazione: 1996
  • EAN: 9788807090141
  • ISBN: 8807090147
  • Pagine: 96

Note su Paul Watzlawick

Paul Watzlawick nacque a Villach il 25 luglio del 1921. Dopo aver conseguito il diploma di maturità a Villach, si trasferì a Venezia. Qui, nel 1949, presso l’Università Ca’ Foscari, ottenne due lauree, una in Filosofia e una in Lingue Moderne. Successivamente frequentò a Zurigo l’ l'Istituto di Psicologia analitica Carl Gustav Jung , conseguendo il diploma di analista nel 1954. Trascorse quindi un periodo viaggiando. Passò un anno in India, dove apprese delle idee che ispirarono alcune sue successive teorie, per poi dirigersi in America, dove a partire dal 1957 iniziò ad insegnare Psicoterapia all’Università di El Salvador e presso la Temple University di Philadelphia. Nel 1960 conobbe D. D. Jackson, fondatore del Mental Research Institute di Palo Alto e uno dei più illustri psichiatri americani, e si unì al gruppo della Scuola di Palo Alto. Qui si dedicò allo studio della Comunicazione Umana e iniziò a pubblicare alcuni scritti in materia, tra cui “A Review of the Double Bind Theory” (1963) e “An Anthology of Human Communication” (1964). Assieme a J.H. Beavin e D.D. Jackson, nel 1967 pubblicò "Pragmatica della comunicazione umana", un caposaldo della psicologia mondiale. A questo volume, seguirono molti altri saggi ed approfondimenti che lo resero uno dei più stimati teorici della teoria della comunicazione e del costruttivismo radicale. Nel 1976 divenne professore associato del Dipartimento di Psichiatria e Scienza del Comportamento all'Università di Stanford. Nel 1987, in seguito all’incontro con Giorgio Nardone, tornò in Italia dove fondò il Centro di Terapia Strategica di Arezzo. Da qui portò avanti i suoi studi e diffuse le sue teorie anche in Europa. Assieme a Giorgio Nardone pubblicò numerosi saggi, tra cui “L’arte del cambiamento”, del 1990. Morì a Palo Alto il 31 marzo del 2007.