€ 15.96
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La bambina che amava Tom Gordon

La bambina che amava Tom Gordon

di Stephen King

3.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Collana: Narrativa
  • Traduttore: Dobner T.
  • Data di Pubblicazione: luglio 1999
  • EAN: 9788820029074
  • ISBN: 8820029073
  • Pagine: 302
Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 Gordon sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo era persa nel bosco. Alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di non pensare: 'Questa è una cosa seria, questa è una cosa molto seria'. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva."

Note su Stephen King

Il maestro dell'horror è nato a Portland, nel Maine, nel settembre del 1947. Il padre, ex capitano della Marina Mercantile durante la Seconda Guerra Mondiale, scompare due anni dopo la nascita di Stephen, e la famiglia King, è costretta, per il lavoro della madre, a spostarsi tra Maine, Massachusetts, Wisconsin, Indiana, Illinois e Connecticut.
Oltre all'abbandono del padre, l'infanzia di King è segnata da un altro evento tragico: a soli quattro anni, assiste alla morte dell'amico, travolto da un treno mentre i due giocano sulle rotaie. Il piccolo Stephen torna a casa sconvolto ma senza ricordare nulla.
A partire dai primi anni delle elementari inizia a leggere da solo tutto ciò che gli capita tra le mani; è di questo periodo anche il suo primo racconto. Anni dopo trova nella soffitta della zia i libri del padre, amante dei racconti di Edgar Allan Poe, H.P. Lovercraft e Richard Matheson. Nel 1962 comincia a frequentare la Lisbon Falls High School e poco dopo viene contattato per lavorare al Lisbon Enterprise, settimanale di Lisbon.
Studia letteratura presso l'Università del Maine, dove tiene una rubrica sul giornale universitario. Per pagarsi gli studi, King lavora e vende alcuni suoi racconti. Nell'estate del 1969 conosce Tabitha Jane Spruce, giovane poetessa e laureanda in storia che diventerà sua moglie due anni più tardi. Conseguita la laurea, comincia ad insegnare lettere in una scuola superiore.
Il successo, e la prima vera pubblicazione, arriva con Carrie nel 1974, che supera il milione di copie vendute. Le notti di Salem (1975) e Shining (1977) riscuotono ancora più successo, con i rispettivi tre milioni e quattro milioni di copie vendute. Nel 1970 nasce la figlia Naomi Rachel e due anni dopo il figlio Joseph Hillstrom.
Due eventi tragici colpiscono lo scrittore negli anni a seguire: lo scrittore comincia ad avere seri problemi di dipendenza da alcol e droga, da cui uscirà solo dopo un processo di disintossicazione durato più di un anno. Nell'estate del 1999, inoltre, durante una passeggiata King viene travolto da un'auto subendo pesanti traumi. Sottoposto a numerosi interventi, ci vorranno mesi prima che King si riprenda totalmente.
Nell'arco della sua carriera, Stephen King ha venduto oltre 500 milioni di copie e dai suoi libri sono state tratte oltre 40 pellicole cinematografiche.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Stephen King:


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.6 di 5 su 9 recensioni)

4.0Da sola nei boschi, 13-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Durante una passeggiata con la mamma e il fratello, la piccola Trisha abbandona il sentiero e si inoltra nel bosco per fare pipì lontano da sguardi indiscreti. Ci vorrà un attimo, poi sarà di nuovo nel sole, zaino in spalla. Ma sono bastati quei pochi passi per farle perdere l'orientamento. Un King diverso, ma sempre emozionante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0La bambina che amava Tom Gordon, 05-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un'opera davvero interessante da far leggere a più persone possibile. Alla fine di King dico sempre le stesse cose. Ma è vero. Non si inventa nulla di nuovo, ma fa leva sulle nostre paure.
Il peggiore incubo di un genitore e non sapere dove sia suo figlio. Il peggiore incubo per un bambino è ritrovarsi da solo, in luogo spaventoso, lontano da casa ma soprattutto dalla propria famiglia.
Bel romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Non il suo libro migliore..., 08-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una bambina si perde nel bosco... Una creatura misteriosa la segue...
Un libro godibile, ma non entusiasmante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Inquietante, 27-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Bello ed inquietante questo libro. Ci troviamo ad affrontare le nostre paure più profonde in questo libro. Come sarebbe stato perdersi nel bosco da bambini... E sentire una presenza che non ci lascia mai? Non vi resta che scoprirlo..
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Imperdibile!, 15-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Insieme ad "IT" è il mio libro preferito di King. Trama originalissima, ben sviluppata, con una giusta dose di suspance e mistero. Da leggere tutto d'un fiato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Coinvolgente, 13-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non uno dei libri migliori di King, ma sicuramente un romanzo coinvolgente, appassionante, che fa leva sulle paure dei genitori... E dei bambini.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Stephen King, 24-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro si discosta dalle tematiche della maggior parte dei libri di King. Un libro quasi poetico che racconta dell'avventura di una bambina persa nel bosco che piano piano affronta le paure dell'ignoto, facendosi coraggio pensando al suo idolo del basball.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0la bambina che amava tom gordon, 24-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Fra tutti i libri di King probabilmente questo è il più noioso perchè in sostanza la trama è piatta, non decolla. La bambina si perde, ogni tanto pensa al suo giocatore preferito e continua a camminare perdendosi sempre di più nel fitto del bosco. King prepara l'atmosfera come se da un momento all'altro dovesse avvenire chissà cosa ma non succede nulla. Non è imperdibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Grande King, 14-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Non sarà il capolavoro di King, ma in questo libro sono racchiusi i capisaldi dello stile dell'autore: un/a bambino/a, un mostro, un luogo tetro.
La narrazione è molto veloce e segue il ritmo crescente dell'inseguimento: ciò fa si che il libro appassioni il lettore e gli trasmetta emozioni intense.
Consigliato a chi vuole leggere qualcosa di leggero e assolutamente non noioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO