Acciaio

Acciaio

3.0

di Silvia Avallone


  • Prezzo: € 18.00
  • Nostro prezzo: € 8.10
  • Risparmi: € 9.90 (55%)
Disponibilità immediata solo 1pz.
Ordina entro 17 ore e 13 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo mercoledì 28 settembre   Scopri come

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

In sintesi

Acciao, opera prima di Silvia Avallone, si è classificato secondo, con uno scarto minimo, al Premio Strega 2010. Nei casermoni di via Stalingrado a Piombino avere quattordici anni è difficile. E se tuo padre è un buono a nulla o si spezza la schiena nelle acciaierie che danno pane e disperazione a mezza città, il massimo che puoi desiderare è una serata al pattinodromo, o avere un fratello che comandi il branco, o trovare il tuo nome scritto su una panchina. Lo sanno bene Anna e Francesca, amiche inseparabili che tra quelle case popolari si sono trovate e scelte. Quando il corpo adolescente inizia a cambiare, a esplodere sotto i vestiti, in un posto così non hai alternative: o ti nascondi e resti tagliata fuori, oppure sbatti in faccia agli altri la tua bellezza, la usi con violenza e speri che ti aiuti a essere qualcuno. Loro ci provano, convinte che per sopravvivere basti lottare, ma la vita è feroce e non si piega, scorre immobile senza vie d'uscita. Poi un giorno arriva l'amore, però arriva male, le poche certezze vanno in frantumi e anche l'amicizia invincibile tra Anna e Francesca si incrina, sanguina, comincia a far male. Silvia Avallone racconta un'Italia in cerca d'identità e di voce, apre uno squarcio su un'inedita periferia operaia nel tempo in cui, si dice, la classe operaia non esiste più.

Note sull'autore

Silvia Avallone è nata a Biella l'11 aprile 1984. Vive e lavora a Bologna, dove nel 2012 ha conseguito la laurea in Lettere e Filosofia. Inizia l'attività di scrittrice nel 2007, pubblicando una raccolta di poesie dal titolo "Il libro dei vent'anni". In seguito ha collaborato con alcuni quotidiani nazionali, tra cui "Il Corriere della Sera" e "Il Sole 24 Ore", pubblicando poesie, racconti ed articoli. Il suo romanzo d'esordio è del 2010 e si intitola "Acciaio". Il romanzo, che racconta la vita nella periferia operaia di Piombino, ha vinto il Premio Campiello opera prima e altri numerosi premi letterari, oltre ad essersi classificato secondo al premio Strega 2010.




 

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Silvia Avallone:


Dettagli del libro -55%

  • Titolo: Acciaio
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Scala italiani
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2010
  • ISBN: 881703763X
  • ISBN-13: 9788817037631
  • Pagine: 357
  • Reparto: Narrativa
  • Formato: rilegato

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Acciaio e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 131 recensioni)

3.0Acciaio, e poi?, 20-07-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
L'amicizia tra Anna e Francesca si svolge sullo sfondo di una Piombino che soffoca nei miasmi di un'acciaieria che regala stipendi e inquinamento a una società immobile. Quella acciaieria dove lavorano padri, fratelli, amici e fidanzati è vissuta dalle protagoniste come un mostro mitologico: la temono e la amano, le sono riconoscenti ma in virtù di essa vorrebbero scappar via. Non tanto lontano: magari all'Elba per un bagno ristoratore oppure proprio lontano, per studiare all'università. Ma anche chi studia fuori Piombino, come Elena, alla fine ritorna, come fosse attratto da una forza magnetica. In quel ritorno c'è anche un versante sentimentale, che però la sfortuna vorrà...
Un bel libro. Non solo da ombrellone.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Piacevole, 29-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Una cosa che ho adorato di questo libro è sicuramente la scrittura. E' infatti molto accattivante e intrigante, riesce a interessare un possibile lettore non esigente alla trama, così varia e mai noiosa. Sicuramente avrebbe potuto avere maggiore accorgimento nei risvolti, poco significativi e non sempre adeguati al contenuto. Comunque sia valido.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Acciaio, 20-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro semplice e diretto: racconta la storia di due ragazzine, la loro amicizia, la loro crescita e le esperienze che le porteranno a dubitare della stessa amicizia. Un libro bello e coinvolgente, che ha per sfondo la Toscana, non quella romantica rappresentata nelle guide turistiche, bensì quella dei lavoratori.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Piacevole, 18-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Secondo classificato per il premio strega. Un romanzo molto promettente, ben strutturato e anche piacevole nella lettura. Lo stile di questa scrittrice infatti si mostra attento e puntuale, capace di dare voce a una trama originale, mai noiosa o scontata e piena di suspence. Cattura fin dalle prime pagine.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Piacevole, 16-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro davvero piacevole, sempre fresco nello stile e fluiod nello scorrimento. La trama è avvincente e riesce a tenere incollati alla lettura, merito anche delle doti artistiche della scrittrice, una rivelazione al premio strega per cui si è classificata al secondo posto. Sicuramente è consigliato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Consigliato, 13-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Meritevole di un buon secondo posto per il premio strega, ACCIAIO è un romanzo dal contenuto leggero e dannatamente piacevole. Il romanzo infatti si lascia leggere con piacere e disinvoltura, privato di forti premesse e rivolto sicuramente a un pubblico poco esigente e occasionale, quasi disinteressato a una lettura pretenziosa. Consigliato!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Piacevole, 09-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Bisogna ammettere che al giorno d'oggi esistono molti libri di piccolo contenuto che pero' , come il presente, riescono a dare molto piacere alla lettura. Acciaio è infatti un libro affatto banale ma molto emozionante e coinvolgente. Lo stile della scrittrice, seppur asciutto e in parte lieanre, è davvero degno di nota.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Piacevole, 07-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libricino di grande piacere. Acciaio mostra il talento di una scrittrice in erba, capace di emozionare con piccole ma grandi e significative storie. Lo stile è infatti asciutto ma essenziale e riesce a invogliare il lettore. La trama non è per nulla scontata ed è emozionante fin dalle prime pagine.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Piacevole, 06-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro altamente piacevole, stimolante e coinvolgente che mi ha permesso di trascorrere qualche ora di lettura spensierata, priva di forti premesse. La Avallone si è mostrata una scrittrice valida e talentuosa, con unos tile narrativo coinvolgente e incalzante che risulta sempre fresco e mai banale noioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Crescita spregiudicata. , 13-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Tutto il successo meritato fino ad ora di questo libro trova la mia personale conferma. Acciaio da una critica veritiera e credibile a quello che è il mondo di chi non ha agi per crescere, ma deve tirare fuori le unghie e lasciare la bambagia dell'infanzia e dell'adolescenza per sempre senza ma che tengano. Davvero un libro coi fiocchi che merita molta attenzione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Acciaio, 05-02-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un buon esordio per l'Avallone questo romanzo sulla degradazione di certi ambienti popolari, dove le adolescenti sono costrette a crescere in fretta, sia per l'ambiente circostante, che per le famiglie che o indifferenti o violente a volte spingono verso una maturità anche sessuale precoce. Un romanzo che va letto, non mi è piaciuta la caratterizzazione delle protagoniste, che non si sono accattivate la mia simpatia. Piacevole e realistico
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Stupefacente., 20-01-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Stupefacente come la realtà povera e squallida del quartiere operaio di Piombino possa fare da sfondo a una storia così viva e pulsante. Stupefacente come la quotidianità spietata con la quale sono perennemente costrette a lottare le protagoniste, in netto contrasto con la tenerezza che queste suscitano, crei la triste ma commovente armonia che tocca il lettore nel profondo e non gli permette di chiudere il libro senza sentirsene sempre vicino. Stupefacente come chiusa l'ultima pagina di questa storia, di vite comuni e sentimenti sinceri ti resti quel senso di "bello" che sono i grandi romanzi sanno lasciarti...
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Acciaio (131)

product