Accesso alla giustizia dell'individuo nel diritto internazionale e dell'Unione Europea

Accesso alla giustizia dell'individuo nel diritto internazionale e dell'Unione Europea

 


  • Prezzo: € 82.00
  • Nostro prezzo: € 69.70
  • Risparmi: € 12.30 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€    Scopri come

In sintesi

INDICE
Prefazione XIX
Notizie sugli autori XXIII
Lista delle abbreviazioni XXVII
PARTE PRIMA
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
NEL DIRITTO INTERNAZIONALE GENERALE
FRANCESCO FRANCIONI
IL DIRITTO DI ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
NEL DIRITTO INTERNAZIONALE GENERALE
1. Uso dell'espressione "accesso alla giustizia" 3
2. Il diritto individuale all'accesso alla giustizia nel
diritto internazionale generale 6
3. Accesso alla giustizia come diritto degli stranieri 11
4. Accesso alla giustizia e "diniego di giustizia" 13
5. Accesso individuale alla giustizia internazionale 19
6. Sviluppi contemporanei 24
7. dal diritto dello straniero ai diritti umani 29
8. Accesso alla giustizia come diritto umano 30
8.1. diritto a se stante o garanzia procedurale? 31
8.2. L'espansione del diritto di accesso alla
giustizia 34
8.3. Restrizioni all'accesso alla giustizia nella prassi
giurisprudenziale 39
9. Accesso alla giustizia internazionale 43
NATALINO RONZITTI
L'ECCEZIONE DELLO IUS COGENS ALLA REGOLA
DELL'IMMUNIT¿ DEGLI STATI DALLA GIURISDIZIONE
¿ COMPATIBILE CON LA CONVENZIONE
DELLE NAZIONI UNITE DEL 2005?
1. premessa 45
2. La definitiva accettazione della nozione di norme
imperative del diritto internazionale (ius cogens) 47
3. norme imperative e diniego dell'immunitÓ dello Stato estero
dalla giurisdizione: il dibattito dottrinale 49
4. (segue) la giurisprudenza internazionale e interna 50
5. Gli Stati "sponsorizzatori" del terrorismo e il diniego
dell'immunitÓ dalla giurisdizione 59
6. Questioni di diritto intertemporale nell'eccezione
all'immunitÓ dalla giurisdizione per violazione di norme di
ius cogens 60
7. L'art. 12 della convenzione delle nazioni Unite
sull'immunitÓ dalla giurisdizione degli Stati 62
8. In alternativa allo Stato Þ possibile convenire in giudizio
l'organo che ha materialmente commesso la
violazione? 65
9. conclusioni 66
PIETRO PUSTORINO
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA E PROTEZIONE DIPLOMATICA
1. Il diritto di accesso alla giustizia quale diritto umano
fondamentale 69
2. L'incidenza degli sviluppi in tema di diritti umani sulla
protezione diplomatica 71
3. Accesso individuale alla giustizia e verifica della
ragionevolezza e non arbitrarietÓ della decisione statale
in tema di protezione diplomatica 73
4. Ipotesi di formazione di un diritto individuale alla
protezione diplomatica per le gross violations dei diritti
umani e relativo controllo giurisdizionale 74
OTTAVIO QUIRICO
IL DIRITTO DELLA VITTIMA DI ACCEDERE
ALLA GIUSTIZIA INTERNAZIONALE PENALE
1. principi generali: la vittima come soggetto passivo di
crimini internazionali 79
2. Il ruolo della vittima nei procedimenti penali interni ed
internazionali 81
3. I sistemi del TPIJ e del TPIR: definizione di "vittima" e
regime di base 83
4. protezione 85
a) Riservatezza 86
b) Vittimizzazione secondaria 88
5. Inizio, amministrazione dei processi e facolta'
d'intervento 90
6. Sentenza 91
7. Il sistema della CPI: definizione di "vittima" e regime di
base 92
8. protezione 95
a) Riservatezza e vittimizzazione secondaria 95
b) L'Unita' per le vittime ed i testimoni (UVT) 98
9. partecipazione personale ai processi 99
a) Rappresentanza legale 99
b) Notificazioni 100
c) Inizio ed amministrazione dei processi 101
d) Intervento nei processi 102
e) Sentenza 105
10. Riparazione 105
a) disposizioni procedurali 105
b) disposizioni sostanziali 107
11. considerazioni conclusive 109
PARTE SECONDA
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA E DIRITTI UMANI
ANA FILIPA VRDOLJAK
ACCESS TO JUSTICE FOR MINORITY GROUPS
1. Introduction 115
2. League of nations and minorities Treaties 117
3. The United nations: charter-based and Treaty-based
Schemes 124
3.1. The United nations, its Agencies and charter-based
Human Rights bodies 124
3.2. Treaty-based Human Rights bodies 131
3.3. International criminal Tribunals 135
4. Regional Human Rights mechanisms 136
4.1. european Human Rights mechanism 136
4.2. Inter-American System 142
4.3. African commission on Human and peoples'
Rights 146
5. conclusion 148
FEDERICO LENZERINI E REBECCA MORI
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA PER I MIGRANTI
A RISCHIO DI VIOLAZIONE DEI DIRITTI FONDAMENTALI
1. Il carattere fondamentale dell'accesso alla giustizia per
l'effettivita' dei diritti umani 149
2. Accesso alla giustizia e migranti a rischio di violazione
dei diritti fondamentali 157
3. Limiti alla sovranita' degli Stati nella determinazione
delle restrizioni all'ingresso degli stranieri nel loro
territorio 158
4. Accesso alla giustizia per i richiedenti asilo 165
5. L'estensione del principio di non-refoulement in caso di
rischio di violazione flagrante del diritto di accesso alla
giustizia nello Stato di destinazione 172
PATRIZIA VIGNI
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA ED ASSISTENZA CONSOLARE
1. Introduzione 175
2. contenuto del diritto all'assistenza consolare 177
2.1. Assistenza consolare 177
2.2. diritto alla difesa, "due process" ed assistenza
consolare 181
3. conseguenze della violazione del diritto all'assistenza
consolare 184
4. Limiti al godimento del diritto all'assistenza
consolare 192
5. conclusioni 195
MIRKO SOSSAI
ACCESSO ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL'UOMO
PER VIOLAZIONI COMPIUTE DALLE FORZE ARMATE
DEGLI STATI CONTRAENTI ALL'ESTERO
1. Introduzione 197
2. La tutela dei diritti dell'uomo nella regione del
Kosovo 199
3. Sul rapporto tra il diritto internazionale umanitario e il
diritto internazionale dei diritti umani 201
4. In tema di applicazione extraterritoriale della convenzione
europea 204
5. Applicazione della convenzione europea alle forze armate in
territorio estero: occupatio bellica e operazioni di pace
delle nazioni Unite 210
a) Il caso Al-Skeini 210
b) I casi Behrami e Saramati 213
6. La ripartizione della responsabilita' tra Stati e
organizzazioni internazionali nel contesto di operazioni di
pace 215
7. L'individuazione dell'ente responsabile 217
8. L'attribuzione della condotta delle truppe KFOR 218
9. La questione della responsabilita' degli Stati membri in
relazione al fatto illecito dell'organizzazione
internazionale 224
a) Responsabilita' dello Stato per il fatto illecito dei
propri organi che agiscono per conto
dell'organizzazione internazionale 224
b) Responsabilita' dello Stato per fatto proprio
collegato a quello dell'organizzazione 226
c) Responsabilita' collettiva degli Stati membri
dell'organizzazione internazionale 227
10. La rilevanza dell'articolo 103 della carta delle nazioni
Unite 229
11. conclusione 231
MARIAROSA CUTILLO
I NATIONAL CONTACT POINT DELL'OCSE SULLE IMPRESE
MULTINAZIONALI: UN MECCANISMO DI ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
EFFETTIVO PER LA SOCIETA' CIVILE?
1. considerazioni introduttive 233
2. Le Linee Guida dell'OCSE per le imprese multinazionali e i
punti di contatto nazionali 237
3. Il ricorso presso i national contact point da parte delle
organizzazioni non governative 239
4. La valutazione d'impatto sui diritti umani e il possibile
contributo al funzionamento dei NCP 246
5. conclusioni 248
APPENDICE
AREE COPERTE DALLE LINEE GUIDA OCSE
SULLE IMPRESE MULTINAZIONALI
capitolo I - concetti e principi 251
capitolo II - Linee politiche generali 251
capitolo III - pubblicazione di informazioni 252
capitolo IV - Relazioni Industriali 252
capitolo V - Ambiente 253
capitolo VI - combattere la corruzione 253
capitolo VII - Interessi dei consumatori 253
capitolo VIII - Scienza e tecnologia 254
capitolo IX - concorrenza 254
capitolo X - fiscalita' 254
PARTE TERZA
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA E GIURISDIZIONI NAZIONALI
THOMAS H. SPEEDY RICE AND BRANDIE L. REISMAN
ACCESS TO JUSTICE FOR TORT CLAIMS AGAINST A SOVEREIGN
IN THE COURTS OF THE UNITED STATES OF AMERICA
1. Introduction 257
2. foreign Sovereign Immunities Act: An Overview 258
2.1. Application of the fSIA 259
2.2. determining if the entity is a foreign State 260
2.3. providing effective Service of process 262
2.4. finding an exception to Immunity 263
3. The non-commercial Tort exception of the FSIA 266
3.1. Application of the non-commercial Tort
exception 267
3.2. determining the basis for Jurisdiction 268
3.3. Identifying the Relevant Law 269
3.4. Applying the discretionary function exception 269
3.5. The Infuence of the Federal Tort Claims Act 270
3.6. The basis for the discretionary function exception
Test 272
3.7. FSIA cases Analyzing the discretionary function
exception 277
3.8. case Survey: Sovereign denied Immunity 278
3.9. case Survey: Sovereign Immunity Granted 281
4. Amendment to the foreign Sovereign Immunity Act by the
Anti-terrorism and effective death penalty Act of
1996 286
5. Limited Access to Justice Under the Alien Tort Statute of
1789 293
6. Limited Access to Justice Under the Torture Victims
protection Act of 1991 301
7. conclusion 303
RICCARDO PAVONI
NORME NON SELF-EXECUTING IN MATERIA
DI DIRITTI UMANI E DIRITTO UMANITARIO
E VIOLAZIONE DEL DIRITTO DI ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
NELLA RECENTE PRASSI STATUNITENSE
1. Introduzione 305
2. Accesso alla giustizia e natura non self-executing dei
trattati sui diritti umani 308
3. Accesso alla giustizia e natura non self-executing delle
convenzioni di diritto umanitario 316
4. Verso l'obbligo di riconoscere la natura self-executing di
norme internazionali a tutela di diritti umani? 325
RORY STEPHEN BROWN
ACCESS TO JUSTICE FOR TORTURE VICTIMS
1. foreign civil jurisdiction in torture claims: State
immunity versus Access to justice 331
2. What is the law on foreign civil jurisdiction for torture
claims? 332
3. What is wrong with the law? 335
4. What ought to be the law? 341
4.1. How ought the relationship of jurisdiction and access
to justice be calibrated? 342
4.2. Who ought to be liable, and how? 346
4.3. How can this system be implemented? 349
5. conclusion 353
6. postscript: Access to justice in America for victims of
American torture abroad 354
MATTEO BORDONI
ESECUZIONE DELLE SENTENZE ALL'ESTERO
ED ACCESSO ALLA GIUSTIZIA IN CASO DI GRAVI VIOLAZIONI
DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UOMO
1. premessa 357
1.1. L'esecuzione in Stati terzi (enforcement) quale
strumento di estensione giuridica e geografca della
forza del giudicato 359
1.2. Il crescente utilizzo di civil claims per procedere
nei confronti degli autori di gross human rights
violations 361
2. Gli ostacoli alla dichiarazione di eseguibilita'
(exequatur) delle pronunce all'estero. problemi di
eseguibilita' in Europa delle pronunce rese in base ad un
titolo di giurisdizione esorbitante e delle sentenze di
condanna al pagamento di punitive damages. Il regime
privilegiato di circolazione delle decisioni nello spazio
giudiziario europeo 365
2.1. Rilievi critici sulla circolazione dei monetary
judgments resi nei confronti degli Stati autori di
violazioni dello ius cogens ed il c.d. ordine
pubblico internazionale: la decisione della corte
suprema tedesca nel caso Distomo 370
3. Gli ostacoli alla esecuzione materiale delle sentenze
all'estero: il caso cittadini statunitensi c. Iran 377
3.1. L'eterogeneita' delle leggi nazionali in materia di
esecuzione e la difficolta' di individuare assets
sottoponibili ad esecuzione 379
3.2. Le questioni ancora irrisolte dell'esecuzione forzata
nello spazio giudiziario europeo ed il libro verde
della commissione europea sul sequestro dei conti
correnti bancari 380
3.3. Ulteriori profili problematici, dovuti alla
personalita' giuridica internazionale del soggetto
esecutato: immunita' dei beni dello Stato dalla
esecuzione e diritto di accesso alla
giustizia 382
3.4. I tentativi di armonizzazione della materia e le
prospettive di sviluppo 385
4. conclusioni 387
PARTE QUARTA
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
ED ESECUZIONE DI OBBLIGHI INTERNAZIONALI
MASSIMILIANO MONTINI
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA PER RICORSI AMBIENTALI
1. Introduzione 391
2. Accesso alla giustizia per ricorsi ambientali ai sensi
della convenzione europea dei diritti dell'uomo 393
3. Accesso alla giustizia per ricorsi ambientali ai sensi
della convenzione di Aarhus 399
4. Accesso alla giustizia per ricorsi ambientali
nell'ordinamento comunitario 403
5. Accesso alla giustizia per ricorsi ambientali in
Italia 414
6. Garanzie formali o sostanziali? 418
ANDREA ATTERITANO
TARGETED SANCTIONS E TUTELA GIURISDIZIONALE
1. Introduzione 423
2. La celere diffusione del meccanismo delle liste in ambito
ONU 425
3. Le targeted sanctions e il procedimento di listing 428
4. Il de-listing prima della ris. 1730 (2006) 432
5. In seguito alla costituzione del focal point 434
6. Il decision making process nei comitati delle
sanzioni 435
7. Il diritto al previo contraddittorio nelle procedure di
listing e de-listing 436
8. Il diritto di accesso ai documenti 438
9. Il diritto a un ricorso successivo 439
10. Il diritto d'accesso alla giustizia di individui ed entita'
listate precedentemente alla costituzione del focal
point 440
11. Le novita' apportate dalla costituzione del focal
point 442
12. margini di intervento delle autorita' giudiziarie statali:
esclusione 445
13. L'attuazione delle targeted sanctions negli ordinamenti
interni: problemi concernenti la tutela del diritto
individuale di accesso alla giustizia nelle tradizioni
costituzionali europee 447
14. prospettive di sviluppo del meccanismo delle liste 449
15. Il coinvolgimento delle corti statali 449
16. La costituzione di un organismo terzo, imparziale e
indipendente in ambito ONU 451
17. Una maggiore cooperazione tra gli Stati nella fase che
precede il listing 452
18. Questioni concernenti il diritto di accesso alla giustizia
nelle targeted sanctions decise dal consiglio di Sicurezza
a sostegno di sanzioni internazionali classiche:
rinvio 453
19. Il diritto di accesso alla giustizia nelle liste
europee 454
20. considerazioni conclusive 457
PARTE QUINTA
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA NEL DIRITTO
DELL'UNIONE EUROPEA
MARCO GESTRI
PORTATA E LIMITI DEL DIRITTO INDIVIDUALE
DI ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
NELL'ORDINAMENTO DELL'UNIONE EUROPEA
1. Rilevanza dell'indagine sull'esperienza dell'Unione e
relative peculiarita' 463
2. Il diritto alla tutela giurisdizionale quale principio
generale dell'ordinamento comunitario, corollario della
rule of law 466
3. Il quadro emergente dai Trattati in merito all'accesso alla
giustizia degli individui: i ricorsi in annullamento e in
carenza 468
4. (segue) strumenti alternativi ai ricorsi diretti per la
tutela del singolo nei confronti di atti di portata
generale: il rinvio pregiudiziale di validita' 471
5. carenze che si manifestano nei confronti del secondo e
terzo pilastro 476
6. Riforma dei Trattati e revisione dei meccanismi di accesso
alla giustizia 480
7. Restrizioni al diritto di accesso alla giustizia risultanti
dal principio del limitato sindacato giurisdizionale sugli
atti comunitari adottati per conformarsi ad obblighi
derivanti dalla carta ONU 484
8. conclusioni 494
IVANA PALANDRI
MEZZI ALTERNATIVI DI ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
NEL DIRITTO COMUNITARIO
1. premessa 501
2. Il mediatore europeo 502
3. Il Garante europeo per la protezione dei dati 512
4. mezzi alternativi di accesso alla giustizia predisposti
dagli ordinamenti nazionali in applicazione di normative
comunitarie 524
5. Osservazioni conclusive 531
FEDERICO CASOLARI
L'ACCESSO DEGLI INDIVIDUI ALLA GIUSTIZIA
RISPETTO ALLE MISURE DI RECEPIMENTO, NELL'AMBITO
DELL'UNIONE EUROPEA, DELLE DECISIONI DEL CONSIGLIO
DI SICUREZZA IN MATERIA DI LOTTA AL TERRORISMO
INTERNAZIONALE
1. Oggetto e piano dell'indagine 533
2. Il caso Sison: lotta al terrorismo internazionale e tutela
dell'interesse individuale all'accesso agli atti 536
3. Le sentenze Kadi e Yusuf e la teoria dell'"immunita'
giurisdizionale" degli atti comunitari che recepiscono le
decisioni del consiglio di Sicurezza 538
4. Un parziale ridimensionamento della teoria emersa nei casi
Kadi e Yusuf: le sentenze Ayadi e Hassan e l'incidenza del
diritto comunitario sulla procedura di de-listing 548
5. La "reviviscenza" dello standard comunitario di tutela dei
diritti individuali: il caso Organisation des modjahedines
du peuple d'Iran (OMPI) e la prassi recente delle
istituzioni politiche 553
6. conclusioni e prospettive future 558
GIACOMO DI FEDERICO
ATTIVITA' AMMINISTRATIVA E
SINDACATO GIURISDIZIONALE NELL'UNIONE EUROPEA:
L'ESEMPIO DELLA CONCORRENZA
1. premessa 567
2. Tutela giurisdizionale e diritto antitrust: i vantaggi
correlati ad una procedimentalizzazione dell'agire
amministrativo 569
3. Il controllo sulla legalita' degli atti amministrativi in
materia di concorrenza: locus standi e motivi di
ricorso 571
4. (segue) il controllo sui provvedimenti che implicano
complesse valutazioni economiche o sono espressione di una
autonoma potesta' regolamentare 576
5. (segue) vizi di forma e vizi di procedura 580
6. La tutela cautelare 583
7. Il sindacato di merito sulle sanzioni imposte per
violazione degli articoli 81 e 82 TCE 585
8. Le altre azioni giudiziarie a tutela dei singoli 589
9. conclusioni 594
PARTE SESTA
ACCESSO ALLA GIUSTIZIA E COMMISSIONI DI VERITA' E
RICONCILIAZIONE
TULLIO SCOVAZZI
CONSIDERAZIONI GENERALI SULLE COMMISSIONI
DI VERITA' E RICONCILIAZIONE
1. nozione e obiettivi delle commissioni 599
2. elementi di differenza 602
3. Il rapporto tra commissioni e procedimenti
giudiziari 604
4. La prospettiva del diritto internazionale 606
5. I casi analizzati 613
TULLIO SCOVAZZI
L'AMNISTIA NELL'ESPERIENZA DELLA COMMISSIONE
PER LA VERITA' E RICONCILIAZIONE DEL SUDAFRICA
1. premessa 615
2. Gli atti legislativi rilevanti 616
3. Il procedimento di fronte al comitato 618
4. I requisiti formali 621
5. La natura del reato 622
6. La rivelazione della verita' 626
7. La riparazione alle vittime 629
8. La valutazione dei risultati 630
9. "Often they merely stated that they had learned the
truth" 632
GABRIELLA CITRONI
LA COMMISSIONE DELLA VERITA' E RICONCILIAZIONE PERUVIANA
E L'ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
PER LE VITTIME DEL CONFLITTO INTERNO ARMATO
ED I LORO FAMIGLIARI
1. Introduzione 635
2. Le leggi di auto-amnistia peruviane 637
3. L'esperienza della commissione della Verita' e
Riconciliazione peruviana 638
4. Il rapporto finale 641
5. Le misure adottate per attuare le raccomandazioni della
commissione della Verita' e Riconciliazione 644
6. L'accesso alla giustizia di fronte ai tribunali peruviani:
tre sentenze 653
7. I casi di violazioni dei diritti umani di fronte agli
organi del sistema interamericano 657
8. conclusioni 661
GABRIELLA CITRONI
LA COMMISSIONE DELLA VERITA' IN EL SALVADOR
E LA NEGAZIONE DELL'ACCESSO ALLA GIUSTIZIA
1. L'esperienza della commissione della Verita' in El
Salvador 665
2. Il rapporto finale della Commissione della Verita': dalla
pazzia alla speranza 669
3. Misure adottate all'indomani della pubblicazione del
rapporto finale della commissione della Verita' 677
4. Un ambiguo approccio nei confronti della giustizia 684
5. El Salvador e la commissione interamericana dei diritti
umani 685
6. Il caso monsignor Oscar Arnulfo Romero y Galdamez c. El
Salvador 686
7. El Salvador e la corte interamericana dei diritti umani: il
caso delle sorelle Serrano Cruz 689
8. conclusioni 694
ILARIA TANI
L'ESPERIENZA DELLA COMMISSIONE NAZIONALE
SULLA SCOMPARSA DI PERSONE IN ARGENTINA
1. Il "processo di riorganizzazione nazionale" 697
2. L'azione repressiva e la sistematica violazione dei diritti
umani secondo la ricostruzione della commissione nazionale
sulla Scomparsa di persone 703
3. Il potere giudiziario durante il regime secondo la
ricostruzione della commissione nazionale sulla Scomparsa
di persone: una garanzia di impunita' 709
4. La CONADEP: il passaggio alla democrazia, la creazione
della commissione e il suo mandato 713
4.1. La composizione della commissione e il suo
funzionamento 718
4.2. Le conclusioni e le raccomandazioni della
commissione 721
5. Giustizia di transizione e riparazioni: considerazioni
sull'esperienza argentina 723
6. Trent'anni di amnistie: una storia di impunita' 726
7. Declaratoria di incostituzionalita' delle c.d. leggi del
perdono: la fine dell'impunita'? 737
8. considerazioni conclusive 743
MAGDA ROSSI
GUATEMALA: IL SILENZIO DELLA MEMORIA
1. Origine e mandato della Comision para el Esclarecimiento
Historico (CEH) in Guatemala 747
2. Quadro giuridico di riferimento: il diritto internazionale
in materia di diritti umani, il diritto internazionale
umanitario e i principi comuni 754
3. I limiti della CEH: verita' senza volto? 758
4. contenuto del rapporto "Guatemala: memoria del silencio" e
conclusioni della CEH: le principali violazioni dei diritti
dell'uomo in Guatemala 761
5. Raccomandazioni finali 762
6. considerazioni relative al lavoro della CEH sulla base
della normativa internazionale 765
7. memoria od oblio? 766
indice analitico 779


Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro