€ 12.75€ 15.00
    Risparmi: € 2.25 (15%)
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Ordina entro 16 ore e 40 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo mercoledì 23 gennaio Scopri come
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Il vuoto e la bellezza. Da Van Gogh a Rilke. Come l'Occidente incontrò il Giappone

Il vuoto e la bellezza. Da Van Gogh a Rilke. Come l'Occidente incontrò il Giappone

di Giorgio Sica


Disponibilità immediata solo 1 pz.

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Tra il finire del XIX sec. e l'inizio del XX, l'incontro con il Giappone è stato, per il mondo occidentale, uno degli eventi forse meno appariscenti ma di certo più determinanti nel processo di formazione di una nuova coscienza estetica. La scoperta del raffinato universo artistico giapponese affascinò, infatti, in maniera profonda i maggiori artisti figurativi e scrittori europei e americani, in un movimento che, nato a Parigi nella seconda metà dell'800, annoverò, tra gli altri, pittori del calibro di Van Gogh, Monet, Toulouse-Lautrec, Degas e poeti quali Mallarmé, Wilde, Pound, Ungaretti e Rilke. "Il vuoto e la bellezza" propone per la prima volta una chiara visione unitaria di questo complesso fenomeno, introducendo contemporaneamente il lettore non specialista alla poetica rarefatta e vitalissima che viene dal Sol Levante.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Il vuoto e la bellezza. Da Van Gogh a Rilke. Come l'Occidente incontrò il Giappone acquistano anche La Cina. La politica estera di un paese sovrano di Enrica Collotti Pischel € 18.00
Il vuoto e la bellezza. Da Van Gogh a Rilke. Come l'Occidente incontrò il Giappone
aggiungi
La Cina. La politica estera di un paese sovrano
aggiungi
€ 30.75

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Libro sul bello , 03-01-2019
di - leggi tutte le sue recensioni
Certo, sono soddisfatto. Il libro tratta di filosofia dell'estetica. Il bello come è visto in Oriente, come vitalità del tutto. E il vuoto non è il nulla ma la potenzialità creativa per ogni ente/fenomeno.
Ritieni utile questa recensione? SI NO