€ 14.40€ 15.00
    Risparmi: € 0.60 (4%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Una vita per la libertà. La vera storia del ragazzo americano che divenne il Che Guevara armeno

Una vita per la libertà. La vera storia del ragazzo americano che divenne il Che Guevara armeno

di Markar Melkonian


  • Editore: Edizioni Clandestine
  • Traduttore: Lupetti E.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2008
  • EAN: 9788895720067
  • ISBN: 8895720067
  • Pagine: 312
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

La saga della vita di Monte Melkonian, dall'infanzia tipicamente americana nella Central Valley in California, alla giovinezza come rivoluzionario armato a Beirut, alla morte come eroe armeno nell'Artsakh. Ma perché sposare la causa di un angolo remoto del Caucaso la cui gente si è sparpagliata in tutto il mondo dopo il genocidio ottomano all'inizio del ventesimo secolo? Dell'Armenia, patria nativa dei genitori, Monte e i suoi fratelli neppure conoscevano la geografia. Fu un semplice viaggio a Merzifan, a renderlo partecipe dei massacri avvenuti ad opera dei turchi e dell'ingiustizia subita dai connazionali. Voltate le spalle alla Oxford University, Monte si recò nei bassifondi proletari di Teheran e nelle strade distrutte dalle bombe di Beirut, unendosi poi ai ribelli del Kurdistan e divenendo ben presto una figura cardine dell'Esercito Segreto di Liberazione Armeno (ASALA). Grazie alla sua abilità militare Monte respinse gli emissari del Presidente Bush e marciò con milioni di dimostranti mentre l'Unione Sovietica collassava intorno a lui. Nella primavera del 1993, guidò alla vittoria un gruppo di 4000 uomini nell'enclave armeno di Nagomo-Karabagh, in un attacco che sconvolse il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Dal momento della sua morte, avvenuta il 12 giugno del 1993 all'età di trentacinque anni, i portavoce dei vari governi lo hanno rappresentato come un terrorista, mentre milioni dei suoi compatrioti lo hanno venerato letteralmente come un santo guerriero.