€ 9.40€ 10.00
    Risparmi: € 0.60 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Le vergini suicide
Le vergini suicide(2013 - brossura)
€ 12.00 € 6.00
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Le vergini suicide

Le vergini suicide

di Jeffrey Eugenides


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Un narratore "collettivo", voce di un gruppo di coetanei maschi, rievoca a vent'anni di distanza la vicenda delle cinque sorelle Lisbon, oggetto proibito della loro adolescenza, avvolte in un'aura di mistero che la tragica fine comune - si sono tutte tolte la vita nel breve spazio di un anno - ha fissato per sempre. Nella memoria di questi antichi, tenacissimi spasimanti, esse divengono il simbolo di una possibilità remota e perduta: l'irruzione di un fremito ignoto nel mondo tranquillo, ordinario, opprimente dell'America suburbana degli anni Settanta. Il libro segna l'esordio folgorante di uno scrittore poco più che trentenne, ma già padrone di uno stile e di un universo letterario affatto personali.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Le vergini suicide acquistano anche Tutte le poesie (1949-2004) di Giovanni Raboni € 23.50
Le vergini suicide
aggiungi
Tutte le poesie (1949-2004)
aggiungi
€ 32.90


Voto medio del prodotto:  4.0 (4.2 di 5 su 15 recensioni)

3.0Molto simile al film, 20-05-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Speravo che il libro aggiungesse qualcosa a quello che avevo già visto nel film, ma mi sbagliavo di grosso. A parte piccoli particolari è quasi la stessa cosa, alla narrazione non viene aggiunto nulla! Il libro è scritto a partire dal punto di vista dei ragazzi che hanno gravitato attorno alla vita delle sorelle Lisbon, quindi la scoperta introspettiva delle ragazze è sempre superficiale e raccontata dall'esterno. Si legge bene, ma alla fine il senso di vuoto prevale. Magari questo era lo scopo del libro, però! Leggendolo, ho scoperto di odiare profondamente quell'ottusa bigotta della madre delle ragazze...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Molto meglio il film, 11-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo racconta una storia particolare ed avvincente ma, nonostante le sole duecento pagine di cui si compone, ammetto di averlo concluso a fatica: mi ha ispirato poco e l'ho trovato prolisso nel suo esser breve. Chi racconta è una prima persona plurale, un gruppo di giovani cresciuti che ricordano la tragedia che si è svolta a casa Lisbon, raccontandoci di cinque sorelle, tutte decedute suicide, attraverso i ricordi e le ricerche psicologiche.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Virgin Suicide, 04-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho letteralmente amato questo libro. Claustrofobico - le ragazze protagoniste, cinque giovani sorelle, verranno per un lungo periodo rinchiuse a casa - e drammatico, intenso e melanconico, profondo, sporco ed innocente insieme, memorabile nella sua realtà quotidiana, un manifesto del loro giovanile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un romanzo sul fanatismo giovanile, 28-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo particolare Le vergini suicide' . Ci si aspetta che la storia sia incentrate sul gruppo di sorelle Lisbon e il loro folle gesto, invece questo fatto è solo il preambolo alla storia in sé. Lo scrittore vuole raccontare cose avviene dopo, tra le persone, tra i coetanei, il suicidio delle sorelle. Questo è il motivo per cui alleggia un velo di mistero intorno alle figure delle cinque. Il racconto dei loro fan', di coloro che le vogliono emulare. Un romanzo che punta al tema, particolare, dell'ammirazione che si tramuta in fanatismo. Un'ammirazione malsana, perché le ragazze si sono suicidate. Una sorta di effetto Werther'incomprensibile alla razionalità ma esistente.
Un libro veramente interessante, da possederlo e comprenderlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Le vergini suicide, 05-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Ha stimolato nel mio animo di lettore sensazioni molto contrastanti. Non posso dire che sia un libro "bello", sebbene le doti di scrittore dell'autore siano ineccepibili, la cosa che mi ha colpito maggiormente è il linguaggio, di chi narra di 5 vite stroncate prematuramente con lo stesso cinismo, la stessa superficialità di chi racconta il mondo con impietoso sguardo.
L'ammantato amore che nasconde il peggio dell'umano, usare vite altrui per dare senso alla propria. Implacabile autore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Le vergni suicide, 17-04-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo particolare. Un po' lento, ma decisamente ben scritto. Strano leggere un romanzo in cui non puoi entrare dentro la testa delle vere protagoniste! Bello però essere tra i pensieri del narratore, che si perde in ricordi e congetture portate avanti con un linguaggio sapientemente curato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Terribile e bello, 25-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
La vicenda è narrata in maniera talmente perfetta che fa pensare che sia vera. Ma se così è, riempie il lettore di grande passione e angoscia. Si sa bene che una famiglia in cui ci sia collusione alla violenza psicologica e al soffocamento vitale dei propri figli possa portare anche alle tragedie, ma vivere nelle pagine del libro la storia delle sorelle Lisbon è un'esperienza forte e drammatica oltre le aspettative.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Cinque stelle, 12-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro incredibilmente bello, sporco in alcuni passi ma anche autenticamente puro, delicato e fragile, sofferto e quotidiano. Un capolavoro della letteratura contemporanea. Peccato che l'autore, Jeffrey Eugenides, abbia pubblicato solo pochi lavori. Da avere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Storia di cinque sorelle , 13-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro poco conosciuto è, a mio parere, un autentico capolavoro. Quattro ragazzi ci raccontano la storia delle sorelle Lisbon, che si tolgono la vita una dopo l'altra. Il fascino, la delicatezza e l'eleganza sopraffina di questa tragedia riescono a coinvolgere completamente il lettore. Non si può fare a meno di proseguire senza sosta nella lettura di questo insolito, affascinante romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Le vergini suicide, 09-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo libro mi ha fatto arrabbiare, anche parecchio. L'ho letto a piccole dosi, mentre mi montava sempre di più la carogna. Non posso dire che sia un libro "bello", sebbene le doti di scrittore dell'autore siano ineccepibili, la cosa che mi ha colpito maggiormente è il linguaggio, di chi narra di 5 vite stroncate prematuramente con lo stesso cinismo, la stessa superficialità di chi racconta il mondo con impietoso sguardo.
L'ammantato amore che nasconde il peggio dell'umano, usare vite altrui per dare senso alla propria. Implacabile autore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Le vergini suicide, 03-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Appena finito il libro (ma anche durante la lettura) ho odiato i signori Lisbon. Per educazione, convinzioni, scelte e ignoranza sono loro gli artefici della tragedia qui descritta. Una madre rigida e autoritaria, un padre inutile e debole. Questo cocktail riesce a portare al suicido cinque adolescenti. Cecilia apre la via, per prima, quasi inspiegabile il suo gesto. E poi a distanza di circa un anno, seguono le sorelle Lux, Mary, Bonnie e Therese.
La voce narrante è quella di un ragazzo (o dei ragazzi) che hanno contatti con le sorelle Lisbon, che frequentano la loro scuola, che sognano pensando a loro, che costruiscono la loro vita, in base a indizi, voci, informazioni rubate qua e là, perché, soprattutto dopo il suicidio di Cecilia (la più piccola), le sorelle Lisbon fanno una vita da recluse, allontanate da tutto e da tutti, dai genitori. La loro casa si fa fatiscente, le ragazze si comportano in modo strano, la gente parla e sparla. Eugenides con il suo stile quasi cronistico, pone a volte l’accento su aspetti marginali, tecnici e descrittivi di avvenimenti che altrimenti sarebbero tremendi. Tutta la narrazione ci prende per mano, ci mostra aspetti della vita da adolescente, ci fa riflettere e sorridere. E alla fine approda al momento clou, quello in cui le quattro giovani organizzano il loro addio collettivo a una vita piena di rinunce, di tristezza e di felicità intravista. Un libro che potrebbe essere molto triste, ma la narrazione di Eugenides lo rende meno deprimente, pur lasciano il lettore con un amaro in bocca che a stento scomparirà.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Molto bello, 21-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' uno dei miei romanzi preferiti, bello anche il film. Molto malinconico e allo stesso tempo dolce. Non si puo' non provare tenerezza e compassione per queste povere vittime inconsapevoli...
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Le vergini suicide (15)