€ 40.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Venezia. Cento maschere per cento scatti

Venezia. Cento maschere per cento scatti

di Salvatore Romeo


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Bonanno
  • Collana: Immagine
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2008
  • EAN: 9788877965172
  • ISBN: 8877965177
  • Pagine: 120
  • Formato: cartonato

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Il carnevale è una festa del mondo. Tutto il mondo la festeggia anche se, ovviamente, con caratteristiche diverse. Annualmente, ovunque, continua a ripetersi, pur seguendo l'evoluzione dei tempi, delle mode, delle religioni, delle tradizioni. È tra le feste più antiche del mondo, ma non mostra segni di invecchiamento, né tanto meno di disaffezione da parte della gente, delle varie nazioni, delle varie città, dei vari paesi e paesini. Per il suo folklore, le sue maschere, i suoi multicolori, per la stessa folla polimorfa e vari abbigliata, spettatrice e attrice allo stesso tempo, per tutto questo insieme e tanto altro, il carnevale ha sempre attirato l'attenzione di fotografi. Quello di Venezia, in particolare. Si dirà, ma perché? Perché è un carnevale diverso dagli altri. Si potrebbe definire un carnevale… elegante, dove le maschere, singole, in coppia o in gruppi, hanno un mostrarsi diverso, un tono diverso. Si vedono costumi complicati, ricchi, costosi, che rappresentano i soggetti più vari, più impensabili, più… tutto. E le maschere sfilano, passeggiano con eleganti movenze, con lentezza, proprio per farsi ammirare. E non si negano al fotografo, anzi, sono ben lieti di… offrirsi all'obbiettivo. Anche accettando talvolta il cortese invito per una posa preferita che evidenzi un particolare della maschera, del trucco, o del costume indossato. La stessa folla, partecipe, allegramente vociante, che non diventa mai invadente, scomposta, fastidiosa per chi vuol godersi lo spettacolo sempre imprevedibile che la festa offre.