€ 9.50€ 10.00
    Risparmi: € 0.50 (5%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

La vecchiaia. Testo latino a fronte
€ 9.00 € 8.46
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
La vecchiaia. Testo latino a fronte
€ 7.00 € 6.65
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
La vecchiaia. Testo latino a fronte

La vecchiaia. Testo latino a fronte

di M. Tullio Cicerone


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Barbera
  • Collana: Classici greci e latini
  • A cura di: O. Fuà
  • Data di Pubblicazione: giugno 2008
  • EAN: 9788878992078
  • ISBN: 8878992070
  • Pagine: LIX-107
  • Formato: rilegato

Trama del libro

Con questa operetta, composta all'inizio del 44 a.C., immediatamente prima dell'uccisione di Cesare, Cicerone, in un periodo per lui pieno di amarezze familiari e politiche, avverte il bisogno di consolare se stesso, ormai sessantaduenne, nonché Attico, destinatario dello scritto, di pochi anni più anziano. O, meglio, mira ad indicare ai romani di quale dignitas e auctoritas la vecchiaia possa essere ancora garante. Per ottenere lo scopo, Cicerone sceglie a portavoce Catone, ottantaquattrenne protagonista del dialogo, figura di intatta autorevolezza e di forte prestigio politico. Ma il Catone del "De senectute" è diverso dal personaggio che la storia ci ha consegnato. È un Catone idealizzato, deformato, rappresentato vicino al circolo scipionico, con una decisa caratterizzazione filosofica e, addirittura, capace di considerare il bello prima dell'utile. L'operetta presenta anche una ricca rassegna di exempla scelti tra i grandi personaggi del mondo greco e, soprattutto, dell'eroico passato romano, risultando, in tal modo, non più un semplice trattato teorico sulla vecchiaia, ma un concreto strumento di propaganda politica.

Tutti i libri di M. Tullio Cicerone

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0La ricchezza della vecchiaia secondo Cicerone, 04-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
In tempi in cui gravi sciagure si aggravavano sulla Repubblica romana e la libertà, l'amore e la lealtà sembravano del tutto spente negli animi dei romani, Cicerone nel 44 a.C. in una visione religiosa ed elevata della vita si accinse a dissipare le false opinioni di chi attribuiva alla vecchiaia la causa di molti dei mali di cui gli uomini soffrivano, quasi che essa, peso insopportabile, impedisse ogni piacere ed ogni operosità della vita. Nonostante la distanza temporale e l'implacabile frenesia della vita contemporanea, le placide riflessioni di Cicerone sono sempre più attuali per chi volesse esorcizzare il tabù della vecchiaia come "ombra della morte", preparandosi anzi agli anni più fecondi intellettualmente per lo studio e l'esercizio del pensiero.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti