€ 15.20€ 16.00
    Risparmi: € 0.80 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
L' uomo di Kiev

L' uomo di Kiev

di Bernard Malamud

  • Editore: Minimum Fax
  • Collana: Minimum classics
  • Edizione: 2
  • Traduttore: Omboni I.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2017
  • EAN: 9788875218713
  • ISBN: 8875218714
  • Pagine: 393
  • Formato: brossura
Carta docenteAcquistabile la Carta del docente

Trama del libro

Basato su una vicenda realmente accaduta, L'uomo di Kiev è la storia di uno sconcertante caso giudiziario. È il 1911 e la Russia zarista è attraversata da frequenti scoppi di violenza antisemita. Yakov Bok è un ebreo che si guadagna da vivere come tuttofare; lasciato dalla moglie, cerca fortuna a Kiev dove, spacciandosi per gentile, riesce a farsi assumere in una fabbrica di mattoni. Ma quando accanto alla fabbrica viene ritrovato il cadavere di un bambino, si diffonde la voce che si tratti di un delitto perpetrato dagli ebrei a scopi rituali e scatta la ricerca del capro espiatorio: tradito da false testimonianze e incastrato dalla polizia, Yakov viene accusato del crimine. Rinchiuso in carcere senza processo, umiliato, abbandonato da tutti, non smetterà di lottare con tutte le sue forze per difendere la propria innocenza. Prefazione di Alessandro Piperno.

I libri più venduti di Bernard Malamud

Vedi tutti

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano L' uomo di Kiev acquistano anche La finta cieca e altri racconti di Esther Kreitman Singer € 15.20
L' uomo di Kiev
aggiungi
La finta cieca e altri racconti
aggiungi
€ 30.40

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su L' uomo di Kiev e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3 (3 di 5 su 1 recensione)

3Romanzo metafora sulla prigionia della vita, 12-05-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
La vicenda raccontata ricostruisce un caso processuale realmente svoltosi nella Russia degli inizi del Novecento: il caso Beiliss. Il protagonista si trova a vivere un'impossibile avventura fuori dai confini del villaggio ebreo in cui egli si sente come recluso, e questa avventura finisce per condurlo al carcere vero e proprio, in una cella asfittica, dove avverte l'odore di altri prigionieri che lo hanno preceduto. Si potrebbe dire che questa è la concretizzazione di una metafora che vede l'Ebreo come nato prigioniero, condizione da cui gli risulta impossibile scappare e che anzi diventa quasi l'essenza della sua stessa vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Portrebbero piacerti anche...

Ultimi prodotti visti