€ 11.90€ 14.00
    Risparmi: € 2.10 (15%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
L' ultimo fronte. Lettere di soldati caduti o dispersi nella seconda guerra mondiale

L' ultimo fronte. Lettere di soldati caduti o dispersi nella seconda guerra mondiale

di Nuto Revelli


18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Attraverso la paziente e sempre dolorosa raccolta di interi epistolari e di un gran numero di "ultime lettere" dei caduti o dispersi sul fronte russo (di qui il titolo del libro), Nuto Revelli ridà voce a quei «sommersi» della storia che il silenzio delle fonti ufficiali si ostina, ovunque e da sempre, a soffocare. E che invece riemergono a dire, vivi e presenti nella loro quotidianità, i problemi e gli interrogativi di una condizione umana. Diecimila lettere, migliaia di uomini che parlano, che raccontano. Alcuni che dicono quasi tutto, disegnano l'arco completo della loro vita militare; altri, con testimonianze frammentarie, restituiscono poche pagine della loro esperienza. Pagine tutte ancora attuali, a oltre settant'anni da quel conflitto epocale, per testimoniare insieme, l'orrore, lo squallore della guerra e la cultura materiale di quei soldati contadini. Introduzione di Alessandro Portelli.

I libri più venduti di Nuto Revelli

Tutti i libri di Nuto Revelli

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano L' ultimo fronte. Lettere di soldati caduti o dispersi nella seconda guerra mondiale acquistano anche Cielo di notte. Cerca l'avventura! Divertiti! Ediz. a colori di Howard Schneider € 8.41
L' ultimo fronte. Lettere di soldati caduti o dispersi nella seconda guerra mondiale
aggiungi
Cielo di notte. Cerca l'avventura! Divertiti! Ediz. a colori
aggiungi
€ 20.31

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Un libro , 21-10-2019
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto interessante la prima parte in cui Nuto Revelli ci racconta il perché del libro e soprattutto la storia di quella fantomatica commissione che, gestita da politici, non voleva assolutamente scoprire niente.
E poi le lettere commoventi, tenere, tristi, bellissime. Ancora una volta cercano di spiegarci l'assurdità della guerra!
Ritieni utile questa recensione? SI NO