€ 4.65
Fuori catalogo - Non ordinabile

Disponibile in altre edizioni:

I tre moschettieri
€ 6.90 € 6.55
Disponibilità immediata
I tre moschettieri
€ 10.00 € 9.40
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
I tre moschettieri

I tre moschettieri

di Alexandre Dumas


Fuori catalogo - Non ordinabile
Il giovane d'Artagnan va a Parigi in cerca di fortuna. Divenuto amico dei moschettieri Porthos, Athos e Aramis, entra con loro al servizio del re. I quattro devono combattere le trame del cardinale Richelieu e della perfida Milady de Winter. Salveranno l'onore della regina che, imprudentemente aveva regalato al duca di Buckingham, come pegno d'amore, una collana di diamanti avuta in dono dal marito Luigi XIII. Giustizieranno Milady, che aveva fatto uccidere il duca e una cameriera amata da d'Artagnan. Questi, riconciliatosi col cardinale, verrà promosso luogotenente, Athos si ritirerà in campagna, Porthos si sposerà e Aramis si farà abate.

Note su Alexandre Dumas

Alexandre Dumas (Villers-Cotterêts 1802 -Puys 1870) fu un drammaturgo e scrittore francese. Rimasto presto orfano del padre, non ebbe l’opportunità di seguire regolarmente gli studi. Poco più che ventenne si trasferì a Parigi, lavorò come cancelliere del Duca d’Orleans e diventò padre di Alexandre, anche egli futuro scrittore. Nel 1829 portò a teatro la sua prima pièce. Il successo, duplicato anche con il dramma “Christine”, gli permise di abbracciare totalmente la sua vocazione letteraria. Nel 1844 pubblicò “Il conte di Montecristo” e “I tre Moschettieri”, mentre l’anno seguente “La regina Margot”. Nel 1846 costruì un proprio teatro. L’esperienza però non funzionò e quattro anni dopo fu costretto a chiuderlo. Fu in seguito protagonista oculare della battaglia di Calatafimi e dell’ingresso di Garibaldi e della sua spedizione a Napoli. Divenne direttore del giornale garibaldino ”L’Indipendente”. Terminata la collaborazione, Dumas intraprese una serie di viaggi nell’Europa austro-asburgica e tedesca. Nel 1870 tornò a Parigi. Paralizzato da alcuni mesi, in dicembre Alexandre Dumas si spense nella casa del figlio.