€ 13.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Travolto dal riflusso. L'Italia nella vita e negli articoli del giornalista Carlo Rivolta

Travolto dal riflusso. L'Italia nella vita e negli articoli del giornalista Carlo Rivolta

di A. Monti (a cura di)


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: ETS
  • Collana: Obliqui
  • A cura di: A. Monti
  • Data di Pubblicazione: luglio 2008
  • EAN: 9788846721419
  • ISBN: 8846721411
  • Pagine: 140
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Essere giornalisti obiettivi non è facile. Essere cronisti appassionati, nell'Italia degli anni '70, lo è ancora meno. Carlo Rivolta, firma di punta de "La Repubblica", si fa coinvolgere totalmente dalle storie che racconta: dalla contestazione giovanile al terremoto in Irpinia, dal terrorismo al dramma di Vermicino. La sua capacità di immedesimazione non gli impedisce di descrivere fedelmente i fatti, senza manipolarli per adattarli alle proprie opinioni. Politicamente vicino alla sinistra extraparlamentare, Carlo viene attaccato sia dall'ala violenta del movimento studentesco, che gli dà del "borghese", sia dai più moderati de "La Repubblica", che lo considerano un estremista. A dare fastidio è la sua autonomia, la sua lontananza dalle stanze del potere, di qualunque colore esso sia. Apparentemente destinato a una brillante carriera, Rivolta finisce per restare isolato, travolto anche da quel declino della partecipazione politica a cui si darà il nome di "riflusso". Deluso dall'ascesa dell'individualismo, morirà a soli 32 anni, ucciso dall'eroina come tanti ragazzi della sua generazione. Il suo modo di lavorare e la sua vicenda personale, ricostruiti attraverso articoli e interviste ai protagonisti dell'epoca, ci aiutano a capire come è cambiata l'Italia. Il suo metodo giornalistico, indipendente e "coinvolto", ha ancora molto da insegnare ai reporter di oggi.