€ 46.75€ 55.00
    Risparmi: € 8.25 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come
Il tramonto dell'Occidente

Il tramonto dell'Occidente

di Oswald Spengler


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Longanesi
  • Collana: I marmi
  • A cura di: R. Calabrese Conte, M. Cottone, F. Jesi
  • Traduttore: Evola J.
  • Data di Pubblicazione: agosto 2008
  • EAN: 9788830425583
  • ISBN: 8830425583
  • Pagine: LXIII-1513
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Black Friday 2017!

Descrizione del libro

Immensa costruzione ideologica e mitologica, in cui una grande congerie di dati è ordinata in modo da costituire una struttura ciclica della storia, l'opera di Spengler ebbe una ricezione imprevedibilmente ampia. Dall'introduzione di Stefano Zecchi: "Tutto ciò che passa è soltanto un simbolo, dice Spengler ricordando un verso del Faust, che ritorna come un leitmotiv wagneriano in "Il tramonto dell'Occidente". Ma anche, aggiunge, il movimento dell'esistere e del conoscere ha un significato se ha un valore simbolico. Spengler riabilita così i concetti di simbolo e destino che la cultura moderna ha deriso e avvilito, credendo di poterli sostituire con quelli di segno e progresso, più funzionali alla filosofia analitica e al controllo tecnico-scientifico dell'esistenza. Ma questo non significa che "Il tramonto dell'Occidente" possa essere letto come una tradizionale reazione allo spirito dell'Illuminismo, anche se proprio a questa interpretazione deve il suo grande successo".

I libri più venduti di Oswald Spengler

Tutti i libri di Oswald Spengler

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Il tramonto dell'Occidente acquistano anche L' uomo e la tecnica. Ascesa e declino della civiltà delle macchine di Oswald Spengler € 10.56
Il tramonto dell'Occidente
aggiungi
L' uomo e la tecnica. Ascesa e declino della civiltà delle macchine
aggiungi
€ 57.31

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

5Il pensiero europeo, 27-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Difficile riassumere in poche parole la bellezza di questo libro. Le oltre mille pagine scorrono veloci fra le dita, con un linguaggio che niente lascia al caso, ma senza mai mancare di chiarezza e di rapporto col piano generale dell'opera. Lettura fondamnetale per chiunque voglia avere un approccio "umanistico" alla Storia delle Civiltà.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Grande capolavoro, 16-05-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Al pari di molti pensatori a lungo dimenticati (Schmitt, Keyserling, Junger, solo per fare alcuni nomi eccellenti) per motivi politici, Oswald Spengler con questo poderoso saggio aiuta molto a comprendere la radice di molte problematiche attuali.
Grazie alla sua immensa cultura, riesce a riscostruire lo spirito delle varie civiltà che si sono susseguite nella storia, e sostiene di aver trovato la legge secondo la quale esse nascono, maturano e poi decadono in civilizzazioni. Questa è per Spengler la fase in cui noi ci troviamo (trovandosi così d'accordo con chi parla di kali-yuga riguardo la nostra epoca). La nostra civiltà (Spengler la definisce "faustiana") nasce nel medioevo e raggiunge la piena maturità nel barocco. Dal 1700 inizia la decadenza, la vita (intesa quasi come slancio vitale, essa è la linfa di una civiltà) si ritira in vantaggio del razionalismo e del denaro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Il Tramonto dell'Occidente, 05-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
M'incuriosiva un pensatore, matematico di formazione, che in pieno Novecento riproponeva una visione ciclica della storia, e poiché ho anche una grande pazienza, qualche anno fa riuscii ad arrivare in fondo a qusto poderoso volume. Al pari di Hegel, che però almeno aveva alle spalle, come Platone, Vico o gli Stoici, un sistema filosofico complesso ed organico, Spengler tuttavia stende i fatti storici sul letto di Procuste per poterli incasellare nelle sue categorie predeterminate, e rispetto ai filosofi veri lo fa anche con un certo malgarbo, quantunque a tratti il suo sistema possa apparire seducente: capisco perciò perché Henri-Irenée Marrou lo accusava senza mezzi termini di prodursi in sofismi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Altri utenti hanno acquistato anche

Ultimi prodotti visti