€ 16.00
PDF protetto da Adobe DRM
Download immediato
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Smaltimento dei rifiuti nel comune di Terzigno - discarica Sari -

Smaltimento dei rifiuti nel comune di Terzigno - discarica Sari -

di Alessandro Annunziata


Download immediato
  • Tipologia: Diploma di laurea
  • Anno accademico: 2011/2012
  • Relatore: Giovanni De feo
  • Relatore: Giovanni De feo
  • Università: Università degli Studi di Salerno
  • Facoltà: Ingegneria
  • Corso: Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio
  • Cattedra: fenomeni d'inquinamento
  • Lingua: Italiano
  • Formato: PDF
  • Protezione: Adobe DRM (richiede software gratuito Adobe Digital Edition)
Il decreto-legge 23 maggio 2008 n. 90, intitolato "Misure straordinarie per fronteggiare l'emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella Regione Campania e ulteriori disposizioni di protezione civile", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 120 del 23 maggio 2008, ribadisce all'art. 9, che uno dei siti individuati per la realizzazione delle discariche necessarie al superamento dell'emergenza campana è Cava Sari, sita in località Pozzelle di Terzigno (Na), compresa nel perimetro del parco nazionale del Vesuvio, nel sito di importanza comunitaria it8030036 "Vesuvio" e nella zona di protezione speciale it8030037 "Vesuvio e Monte Somma”. Dall’emanazione del decreto è nata in me una forte esigenza sia morale, da cittadino di Terzigno, sia professionale per i miei studi d’ingegneria per l’ambiente e il territorio, di volerne sapere di più e di allargare le mie conoscenze su tale argomento. Lo studio di questo “fenomeno”, mi ha posto davanti ad un mondo tutto nuovo e pieno di domande: che cos’è una discarica? Com’è fatta? Quali problematiche comporta? Quale incidenza ha sull’ambiente che la circonda? È pericolosa? Le discariche nascono dall’esigenza dell’uomo, che in ogni sua attività produce un rifiuto, il rifiuto per qualsiasi forma sia pericoloso, e non, deve essere smaltito. Per far fronte alla grande esigenza di “buttarli in qualche luogo” e disfarsi in fretta di una materia che se rigenerata o semplicemente riciclata può riessere utile. Un rifiuto in meno in una discarica diminuirebbe l’esigenza dell’uomo di trovarne altre. Il presente elaborato è stato redatto a valle del tirocinio formativo svolto presso l’UTC del Comune di Terzigno (Na). Lo studio è organizzato in quattro capitoli: • Il capitolo 1 (“Relazione illustrativa del tirocinio”) descrive gli aspetti salienti del tirocinio svolto, con riferimento alla struttura ospitante, obiettivo del tirocinio, aspetti organizzativi e compiti svolti (si veda l’allegato a), risultati raggiunti e sviluppi futuri. • Il secondo capitolo (“Le discariche controllate”) tratta il tema delle discariche controllate considerate come un sistema, quindi, sono descritte in maniera dettagliata tutte le principali componenti (la discarica, normativa e progetto, processi di costruzione, sistemi di raccolta e rimozione del percolato, biogas e i sistemi di copertura). • Il terzo capitolo (“Descrizione della discarica denominata Cava Sari”) ha come oggetto il caso studio della discarica Sari ed il suo progetto di realizzazione (caratteristiche del territorio, area di progetto, indagini geologiche, biogas, fasi di coltivazione, fasi di copertura, caratteristiche dell’acquifero, impatto sulle acque superficiali e sotterranee, analisi chimiche, conclusioni sui risultati ottenuti). • Il quarto capitolo (“Conclusioni”) è una breve conclusione sull’argomento trattato, le discariche controllate e in particolare la discarica “Cava Sari”.