€ 16.00
PDF protetto da Adobe DRM
Download immediato
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
La penna, la scena, lo schermo. Un tram chiamato desiderio in Williams, Kazan e Visconti

La penna, la scena, lo schermo. Un tram chiamato desiderio in Williams, Kazan e Visconti

di elisa spinetti


Download immediato
  • Tipologia: Tesi di Laurea di primo livello
  • Anno accademico: 2008/2009
  • Relatore: Alessandro Tinterri
  • Correlatore: Mirella Vallone
  • Relatore: Alessandro Tinterri
  • Università: Università degli Studi di Perugia
  • Facoltà: Lettere e Filosofia
  • Corso: Lingue e culture moderne
  • Cattedra: Storia del teatro e dello spettacolo
  • Lingua: Italiano
  • Formato: PDF
  • Protezione: Adobe DRM (richiede software gratuito Adobe Digital Edition)
Opera non amata dalla critica italiana, Un tram che si chiama desiderio a un'attenta lettura si rivela un lavoro di notevole spessore psicologico e simbolico. Composta dallo scrittore americano Tennessee Williams nel 1947, l'opera si discosta dal teatro realista dell'epoca per andare a posizionarsi al confine tra realismo ed espressionismo, indagando su quella impercettibile linea che divide reale e immaginazione, oggettività e soggettività. Con questo lavoro si intende far luce e fornire una chiave di lettura a un'opera a cui la letteratura italiana non ha dedicato l'attenzione che merita, essendosi limitata all'elogio della messa in scena italiana, prodotto della genialità di personalità artistiche quali Visconti, Zeffirelli, Gassman, Mastroianni e Morelli e alla denigrazione del testo di partenza, giudicato piatto e banale. Nei capitoli che seguono viene fornita un'analisi approfondita della psicologia dei personaggi alla luce di questo dualismo reale/immaginario e della messa in scena originale, nel suo riuscito tentativo di esprimere anch'essa questa dicotomia attraverso il simbolismo e i mezzi tipici del teatro. A ogni personaggio è dedicato un paragrafo, delineando per ognuno quella che Kazan, il regista dello spettacolo di Broadway e del film del 1951, chiamò The spine, cioè il fulcro della personalità del personaggio, ciò intorno a cui deve ruotare tutta l'interpretazione. Vedremo così come la forza che muove Blanche, la protagonista dell'opera, sia la ricerca di protezione maschile; quella che muove Stanley sia il volere che tutto vada a modo suo; quella di Stella la sua dipendenza da Stanley e quella di Mitch l'eccessivo attaccamento alla madre che lo ha spogliato di ogni virilità. Il lavoro sarebbe risultato incompleto senza un breve excursus attraverso la storia dell'opera, partendo dalla sua ideazione, passando per le maggiori rappresentazioni mondiali, per poi concludere con la fortuna dell'opera tra rifacimenti e adattamenti mediatici. Dopo l'analisi dettagliata di quella che fu la prima mondiale di Un tram chiamato desiderio, avvenuta a Broadway nel 1947 sotto la direzione di Kazan e con una partecipazione senza precedenti dello scrittore stesso, verranno prese in considerazione alcune tra le più significative première nazionali, dove ci si avvalse della collaborazione di alcuni tra i più prestigiosi nomi del panorama artistico mondiale, con attenzione particolare allo spettacolo italiano di Visconti, notando come il tram subì gli influssi della cultura delle nazioni nelle quali venne rappresentato ma altresì contribuì al cambiamento del pubblico e del modo di fare teatro in altri Paesi. Oltre alle messe in scena più ‘classiche' e fedeli al testo, trovano spazio in questo lavoro rappresentazioni a cast totalmente di colore o con una diversa assegnazione dei ruoli sessuali, alle quali si deve l'estrapolazione di nuovi significati e interpretazioni, implicite nel testo, di carattere razziale e sessuale, come uno spazio è dedicato anche alla trasformazione di Un tram chiamato desiderio in altre forme d'arte, come balletto, opera, film e telefilm. Dato il sopracitato disinteresse della letteratura italiana per Un tram chiamato desiderio, le fonti bibliografiche nazionali sull'argomento sono assai scarse. Questo lavoro ha, quindi, come obiettivo quello di andare a colmare questa lacuna del panorama letterario italiano, attraverso l'ausilio di alcuni tra i più significativi scritti sull'argomento in lingua inglese, per fornire al pubblico italiano una ricerca dettagliata ed esauriente sulla storia e analisi dell'opera di questo mirabile scrittore americano.