€ 24.00
PDF protetto da Adobe DRM
Download immediato
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Il diritto di sciopero nella Costituzione italiana

Il diritto di sciopero nella Costituzione italiana

di Giacomo Conti


Download immediato
  • Tipologia: Tesi di Laurea di secondo livello / magistrale
  • Anno accademico: 2006/2007
  • Relatore: Adriana Apostoli
  • Correlatore: Matteo Frau
  • Relatore: Adriana Apostoli
  • Università: Università degli Studi di Brescia
  • Facoltà: Giurisprudenza
  • Corso: Giurisprudenza
  • Cattedra: Diritto costituzionale
  • Lingua: Italiano
  • Formato: PDF
  • Protezione: Adobe DRM (richiede software gratuito Adobe Digital Edition)
Il presente lavoro affronta la tematica del diritto di sciopero, argomento tradizionalmente di diritto sindacale, in una prospettiva costituzionale. Il diritto di sciopero viene, pertanto, esaminato in relazione agli altri diritti costituzionalmente garantiti e alla luce di quanto espresso dalla giurisprudenza costituzionale, che ha negli anni vagliato la legittimità di una serie di norme del codice penale che, retaggio del regime fascista, vietavano lo sciopero in tutte le sue forme. Una volta definita la natura del diritto di sciopero, ne vengono trattati i limiti oggettivi – lo sciopero economico-contrattuale, di solidarietà, politico – e i limiti soggettivi – lavoratori subordinati, parasubordinati, autonomi – fino ad approdare alla nevralgica tematica dello sciopero nei servizi pubblici essenziali. Infine, volgendo uno sguardo anche alla normativa di rango sovranazionale e comunitario, è tracciata la linea evolutiva del diritto di sciopero, dal suo riconoscimento costituzionale sino ad oggi.