€ 16.00
PDF protetto da Adobe DRM
Download immediato
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Uno sguardo al passato per progettare il futuro. Labitazione rurale vista come approccio bioclimatico al regionalismo architettonico.

Uno sguardo al passato per progettare il futuro. L'abitazione rurale vista come approccio bioclimatico al regionalismo architettonico.

di Giovanni Palamara


Download immediato
  • Tipologia: Diploma di laurea
  • Anno accademico: 2010/2011
  • Relatore: Stefano Rugginenti
  • Relatore: Stefano Rugginenti
  • Università: Politecnico di Milano
  • Facoltà: Architettura
  • Corso: Architettura
  • Cattedra: fisica tecnica
  • Lingua: Italiano
  • Formato: PDF
  • Protezione: Adobe DRM (richiede software gratuito Adobe Digital Edition)
Un noto proverbio recita: “la necessità aguzza l’ingegno”. Ebbene, questa tesi affronta proprio questo tema, andando a indagare se dalla necessità di creare ambienti confortevoli alla vita umana in un contesto di penuria di fonti energetiche, sia scaturito quell’ingegno (o forse solo il buon senso) capace di dare una risposta efficace a questi bisogni. In poche parole, si è tentato di capire se le cosiddette architetture vernacolari, nella fattispecie le abitazioni rurali, abbiano effettivamente quel corretto rapporto tra involucro e clima tale da poterle definire a tutti gli effetti architetture bioclimatiche. Per fare questo, si è partiti da un’analisi generale dei fattori climatici e delle possibili strategie bioclimatiche passive attuabili in loro risposta, in funzione del comfort termo-igrometrico abitativo. Si è poi passati a studiare vari esempi di regionalismo architettonico sparsi in tutto il mondo con particolare attenzione alle soluzioni strutturali adottate ed ai meccanismi fisici sfruttati. Successivamente si è fatta un’attenta analisi delle tipologie edilizie rurali sviluppatesi in un ambito circoscritto come la pianura padana, restringendo l’ambito di analisi gradualmente fino ad arrivare al territorio comunale di soliera. Al fine di valutare in maniera concreta se la tipologia edilizia di quest’area geografica, che nel corso dei secoli è stata riconosciuta dall’intera comunità come la soluzione ottimale, sia effettivamente tale anche dal punto di vista climatico, è stato elaborato un modello teorico. Fatte salve le esigenze peculiari di una tipologia rurale, si è cercato di proporre un modello che rispondesse in maniera ottimale alle esigenze climatiche. Infine, si è poi proceduto selezionando un campione di quindici casi, che fosse rappresentativo dell’intero territorio comunale, confrontandoli con il modello precedentemente ideato. Il loro grado di affinità al modello ci ha dato la misura di ciò che ci eravamo chiesti inizialmente e, come si vedrà, l’ipotesi iniziale viene confermata abbondantemente.