€ 34.56€ 36.00
    Risparmi: € 1.44 (4%)
Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi
Consegna prevista dopo Natale In ritardo con i regali? Scopri i nostri Buoni Regalo da stampare o da inviare per e-mail.
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Tecnologia della preistoria. Gestione delle materie prime, produzione e aspetti tecno-tipologici delle industrie litiche di Grotta San Pellegrino

Tecnologia della preistoria. Gestione delle materie prime, produzione e aspetti tecno-tipologici delle industrie litiche di Grotta San Pellegrino

di Vincenzo Stasolla


Normalmente disponibile in 10/15 giorni lavorativi
  • Editore: Youcanprint
  • Collana: Saggistica
  • Data di Pubblicazione: aprile 2014
  • EAN: 9788891138026
  • ISBN: 8891138029
  • Pagine: 180

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

La finalità di questo studio è di documentare il popolamento in Puglia centro-occidentale da parte dell'uomo preistorico, in particolare nella provincia di Taranto, prendendo in considerazione il materiale archeologico raccolto nei depositi alluvionali e sui terrazzi che circondano Grotta San Pellegrino (Laterza), una cavità carsica frequentata sin dal Paleolitico, ubicata al confine tra Laterza e Ginosa (Ta). Attraverso analisi morfologiche, tipometriche e tecnologiche l'autore ricostruisce le modalità di acquisizione della materia prima e la produzione degli strumenti litici della preistoria, abbozzando un rapporto crono-culturale per ciascuno di essi, nei limiti imposti dalla raccolta di superficie. Grotta San Pellegrino è una cavità carsica ubicata ai margini del territorio di Laterza, al confine con quello di Ginosa, due centri della provincia di Taranto dai quali trasudano interessanti testimonianze della presenza dell'uomo preistorico. Una recente bonifica della cavità ha rimestato reperti preistorici e storici all'esterno di essa, lungo il pianoro e i pendii del tetto di Canale San Pellegrino. Da essi è possibile documentare la presenza dell'uomo a partire dal Paleolitico medio all'età Imperiale. La raccolta di scarti di lavorazione per la produzione di strumenti litici, documenta l'approvvigionamento locale di materia prima, trasportata dalle correnti alluvionali per 1800 kmq, dai quali è stato possibile anche documentare gli strumenti più antichi finora raccolti nel tarantino...