€ 14.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

Suite francese
Suite francese(2017 - brossura)
€ 10.56 € 11.00
Disponibilità immediata
Suite francese
Suite francese(2016 - brossura)
€ 10.34 € 11.00
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Suite francese

Suite francese

di Irène Némirovsky


  • Editore: Adelphi
  • Collana: Vintage
  • A cura di: D. Epstein, O. Rubinstein
  • Traduttore: Frausin Guarino L.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2011
  • EAN: 9788845926402
  • ISBN: 8845926400

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Nei mesi che precedettero il suo arresto e la deportazione ad Auschwitz, Irène Némirovsky compose febbrilmente i primi due romanzi di una grande "sinfonia in cinque movimenti" che doveva narrare, quasi in presa diretta, il destino di una nazione, la Francia, sotto l'occupazione nazista: Tempesta in giugno (che racconta la fuga in massa dei parigini alla vigilia dell'arrivo dei tedeschi) e Dolce (il cui nucleo centrale è la passione, tanto più bruciante quanto più soffocata, che lega una "sposa di guerra" a un ufficiale tedesco). Pubblicato a sessant'anni di distanza, Suite francese è il volume che li riunisce.

I libri più venduti di Irène Némirovsky

Tutti i libri di Irène Némirovsky

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 14 recensioni)

4Suite Francese, 22-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
È l'ultimo romanzo della Nemirovsky, ed è incompiuto. Nonostante ciò, credo che si possa considerare finito, nel senso che trovo la conclusione logica e ben fatta, non ha bisogno di aggiungere altro. Vale la pena leggerlo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Un destino tragico, 06-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La Francia e l'occupazione tedesca raccontata da Iréne Nemirovsky scrittrice di origine russa fuggita in Francia con la famiglia allo scoppio della rivoluzione d'Ottobre e morta ad Auschwitz. Una scrittura nitida, essenziale, intensa. Grande maestria nel ritrarre sentimenti delicati e profondi, delineati con grande delicatezza e pudore, soprattutto nel secondo racconto. In alcuni momenti richiama alla mente quei racconti di Maupassant (autore amato dalla N. ) che descrivevano le sofferenze materiali e morali del popolo durante la guerra franco- prussiana, ed in comune con questi ha l'amore per una Francia ferita e violata, terra nella quale viveva da non più di una ventina di anni, ma per la quale traspare un amore straordinario, al punto di farla apparire più francese dei francesi. Descrizioni stupende di rara poesia e sensibilità che è difficile leggere in autori moderni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Delizioso! Assolutamente da non perdere!, 09-08-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Suite francese è un libro passionale, intenso, delicato, profondo.

Romanzo curato dalla figlia Denise Epstein, che ci regala non solo i capitolo del libro purtroppo incompleto a causa della morte in giovane età della madre, ma anche lettere, appunti, descrizioni scritte dalla Nemirovsky con passione lucidità.

Un libro che richiede impegno ma che regala emozioni, lacrime, apre la mente, muove il pensiero.

Da leggere assolutamente!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Suite francese, 04-08-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi ero ripromesso di leggere l'opera omnia dell'autrice russa, questo lascia un sentimento ambiguo. Il duo-manzo (doppio romanzo) ha degli alti e dei bassi. Quello che in ogni caso lo riscatta è la costruzione generale ed il contesto. Fino alle dolorose lettere finali. Urla di rabbia ed impotenza. La Suite veniva scritta nell'impeto dell'inizio della Seconda Guerra Mondiale, anche sotto l'urgenza di narrare un po' del se e di quello che come persona di discendenza ebrea stava tuttavia soffrendo nella Francia occupata dai tedeschi. Si parla quasi in presa diretta, narrando gli stessi avvenimenti che si stanno vivendo, e trasfondendoli in forma di romanzo, per darne corpo, quasi per esorcizzare le proprie paure. Paure che poi saranno vere e reali, quando, dopo la fine del secondo dei tre - quattro romanzi di cui voleva comporre la suite, viene arrestata, deportata ed uccisa ad Auschwitz. I due romanzi in sé, a parte questa vicinanza con il reale, non sono compiuti completamente. Forse è una prima stesura da raffinare, ma lasciano qua e là sentimenti di irrisolutezza, di necessità di ulteriori approfondimenti della scrittura, o anche (alla Flaubert) di tagli. Nel primo, corale, si assiste all'inopinata caduta della Francia di fronte al tedesco avanzante, con tutte le piccole glorie e le grandi miserie di chi vive tempi difficili. Il secondo è più centrato sull'impossibile storia d'amore tra la signora francese con il marito deportato e l'ufficiale tedesco invasore, di bei modi e di belle lettere. Poi si passa alla parte finale, alle lettere ed alle vicende reali. Lì sì che la realtà supera il narrato. Da un lato Irène ci fa parte delle sue idee narrative, di come avrebbe voluto proseguire le storie, di come andranno a finire i vari personaggi (e questo è piacevole, come un backstage di un sequel cinematografico) . Dall'altro si seguono le sue vicende private, l'ottusità del potere conquistatore e l'asservimento del potere conquistato. Si assiste al tutto con un senso di angoscia e di impotenza. E se ne beve l'amore fiele, sino all'ultima goccia. Alla fine, sono contento di avere avuto la fortuna di leggerlo, anche se ne esco con un senso di amarezza difficilmente eliminabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Suite francese, 29-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Una delle tante colpe dei nazisti è stat quella di privarci di ctanto talento letterario. Raramente ho letto un libo capace di farmi entrare dentro in maniera così imperiosa e intensa la guerra con tutta la sua forza e le sue contraddizioni. Me lo ha regalato Irène Némirovsky poco prima di essere deportata nel campo di sterminio di Auschwitz. Ci ha lasciato questo gioiello, questo piccolo grande capolavoro, questa effige al mondo: prima "Temporale di giugno", un romanzo corale incentrato sulla fuga della folla da Parigi a Tours, all'avanzare della guerra, poi "Dolce", un racconto più intimo e passionale che ci svela l'amore fra una sposa di guerra e un soldato tedesco. Perchè la guerra è anche questo, la guerra è tutto. Perfetto nel far vivere al lettore gli stati d'animo dei personaggi, lucido e attento nell'osservare la realtà di quegli attimi, in una parola: sublime.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Suite francese (14)