€ 17.10€ 18.00
    Risparmi: € 0.90 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Storie ribelli
Storie ribelli(2018 - brossura)
€ 12.35 € 13.00
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Storie ribelli

Storie ribelli

di Luis Sepúlveda

  • Editore: Guanda
  • Collana: Narratori della Fenice
  • A cura di: R. Polese
  • Traduttore: Carmignani I.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2017
  • EAN: 9788823519664
  • ISBN: 8823519667
  • Pagine: 300
  • Formato: brossura
Carta docenteAcquistabile la Carta del docente

Trama del libro

Storie ribelli di Luis Sepulveda è un insieme di tanti racconti, un puzzle che costituisce insieme la vita del grande scrittore e attivista politico. Il creatore di La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare, e di tanti romanzi cileni con il sapore della ricostruzione storica, qui invece parla di se stesso, del suo cammino. La narrazione comprende un arco di circa quarant’anni di cammino, prima della dissidenza, prima dell’esilio che Sepulveda fu costretto a intraprendere per salvarsi la vita e pur lasciandosi alle spalle il Cile con la sua bellezza e con le sue passioni forti. Ma la dittatura non lascia scampo. Si parte da quell’11 settembre 1973 in cui la storia cominciò a cambiare e in cui Allende fu assassinato. Sepulveda ci conduce all’interno del palazzo della Moneda e ci fa vedere la scena attraverso gli occhi di Oscar Reinaldo Lagos Rios, il ragazzo più giovane della scorta di Allende, che rimase al suo fianco fino alla fine, non cedendo alla paura e alla voglia di vivere, al di là delle convinzioni politiche. Storie ribelli si conclude invece con un racconto che commenta la morte di Pinochet il dittatore e fa una carrellata di tutte le persone che sono rimaste impunite per i loro terribili crimini perpetrati durante quegli anni. Il primo e l’ultimo racconto segnano così l’inizio e la fine di un ciclo non solo politico, ma anche umano. Tra di loro c’è il racconto, la letteratura e gli amici poeti e maestri scrittori, come Neruda e Saramago, che hanno condiviso il cammino con Sepulveda.