€ 13.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro tornerà acquistabile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La storia di Natale. Da soldato in Russia a prigioniero nel Lager

La storia di Natale. Da soldato in Russia a prigioniero nel Lager

di Natale Pia


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Joker
  • Collana: Il periplo
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2006
  • EAN: 9788875361082
  • ISBN: 8875361088
  • Pagine: 184

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Era Natale., 28-07-2011, ritenuta utile da 5 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Soltato italiano, combatto la campagna di Russia con gli alleati tedeschi, le cose si mettono male, battiamo in ritirata. Equipaggiamento fatto di indumenti e scarpe inadatti per sopportare i quaranta gradi sotto zero del clima russo, siamo un piccolo gruppo di uomini in fuga, venimo soccorsi dai civili che ci nascondono, ci nutriscono, ci scaldano. E' la Vigilia di Natale, si scappa dal nemico che ci rincorre, ovunque cadaveri, chi morto congelato, chi morto di stenti, qualcuno di loro ha impresso sul viso un disegno fatto con un coltello, e' la falce e martello. Stremato dalla fatica dal freddo dalla fame rimpatrio, riabbraccio i miei cari. La guerra cambia il suo corso, e' L'Armistizio, per l'Italia la guerra e' finita, mi rifiuto di portare la divisa tedesca, vengo scambiato per errore con un partigiano italiano pericoloso per i nostri nuovi nemici tedeschi. Eccomi in arresto ed e' il Lager di Bolzano che mi aspetta. Un'altra Vigilia di Natale passata al gelo, fame sete e botte botte nerbate e ancora botte, i nostri vecchi amici tedeschi, brutali ed assassini. E' l'ora della partenza, Mauthausen e' la mia destinazione e da li' , Gusen, ultima mia destinazione. Ultima per molti compagni, mi salvo ed ancora mi chiedo: "Perche' proprio io ne sono uscito vivo? ". Passano gli anni, ma gli incubi notturni mi tormentano ancora, la ritirata in Russia, i Lager di Bolzano, Mauthausen, Gusen, non dormo, lascio il mio comodo materasso per il duro pavimento, mi riaddormento.
Ritieni utile questa recensione? SI NO