€ 8.50€ 10.00
    Risparmi: € 1.50 (15%)
Disponibilità immediata

Disponibile in altre edizioni:

Una stanza tutta per sé
Una stanza tutta per sé(2016 - brossura)
€ 12.00 € 9.00
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
Una stanza tutta per sé
Una stanza tutta per sé(2018 - brossura)
€ 12.00 € 10.20
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Una stanza tutta per sé

Una stanza tutta per sé

di Virginia Woolf


Disponibilità immediata

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Scritto tra il 1928 e il 1929 in seguito a una serie di conferenze sul tema "donne e romanzo", questo testo costituisce uno dei più eloquenti trattati femministi del Novecento: partendo da un tema apparentemente secondario e cioè che una donna, per scrivere, debba avere del denaro e "una stanza tutta per sé", Virginia Woolf porta alla luce le restrizioni imposte nel corso dei secoli alla creatività femminile dalla società, dalle leggi e dalle convenzioni. Attraverso riflessioni arricchite da sentimenti e storie personali, la Woolf dà vita a una forma ibrida tra saggio e racconto che come descritto nella chiara introduzione di Egle Costantino - le permette di universalizzare le esperienze narrate in un testo lucido e stimolante, divenuto un punto di riferimento imprescindibile per approfondire e comprendere la questione femminile.

Tutti i libri di Virginia Woolf

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Una stanza tutta per sé acquistano anche Una scrittura femminile azzurro pallido di Franz Werfel € 8.50
Una stanza tutta per sé
aggiungi
Una scrittura femminile azzurro pallido
aggiungi
€ 17.00

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

3Una stanza tutta per sè, 22-10-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Si tratta di un saggio della scrittrice inglese Virginia Woolf, pubblicato per la prima volta nel 1929, anno della grave crisi economica mondiale. In questo saggio la scrittrice prende in considerazione l'idea che anche per il genere femminile vi sia la possibilità di accedere all'universo culturale, che fino a quel momento era riservato ai soli uomini. Il testo risulta molto intricato, va letto e riletto diverse volte per comprendere a fondo l'intento della scrittrice. Lo scenario di tale saggio è l'ambiente universitario, luogo ideale in cui si diffondono nozioni, idee, teorie di ogni genere. Personalmente ho trovato questo scritto della Woolf abbastanza noioso: voto 3 stelle.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Una stanza tutta per sé, 27-01-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
"Avete idea di quanti libri si scrivono sulle donne in un anno? Avete idea di quanti sono scritti da uomini? Sapete di essere l'animale forse più discusso dell'universo?"
Questo libro raccoglie le riflessioni di due conferenze che l'autrice ha tenuto nel 1928, con argomento le donne e la loro relazione con la letteratura. Il viaggio che fa compiere al lettore è attento e accurato, fa riflettere ma a tratti diverte anche. La lettura di questo saggio è fondamentale, tanto per l'importante tema trattato quanto per l'incantevole linguaggio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Dedicato a tutti gli uomini del mondo, 04-11-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
"Una stanza tutta per sé" è molto più di un saggio sul rapporto donna - scrittura, è un'opera incentrata sulla libertà del singolo, di qualunque sesso o razza sia. Denigrato per anni, come un libro pieno di rabbia femminista, ci fa riflettere sul fatto che, per molto tempo, le donne sono state considerate, e vengono ancora considerate un oggetto di proprietà dell'uomo, come la cronaca nera ben ci insegna, togliendo loro qualsiasi mezzo per realizzarsi attraverso l'arte o la scienza. Non ci vuole molto per immaginare l'enorme mole di scoperte scientifiche, dipinti, sculture,libri, che sono morti per sempre, insieme alla sorella di Shakespeare. Per la Woolf è incalcolabile ciò che l'umanità ha perduto, ma oltre a ciò si aggiunge la perdita di libertà individuale, che non tocca solo il sesso femminile, ma tutti gli esseri umani. Non si può vivere senza obblighi, questo è vero, ma è necessario costruirsi una stanza tutta per sé, dove nessuno può arrivare, dove vivere liberi dagli altri. Una stanza, vera o immaginaria, che ci permetta di pensare, in una società che non vuole farci pensare, ma vuole solo divertirci, nel senso originario del termine, cioè divertere la nostra attenzione da problemi più nobili, ma che prima o poi dovremo assolutamente affronare. Nessuno deve essere schiavo di nessun altro, ecco perchè c'è bisogno della stanza,un piccolo mondo così come noi lo vogliamo, dove poter essere liberi e dedicare tempo a noi stessi, perchè fermarsi a riflettere è un gesto coraggioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti