€ 20.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

La solitudine dei numeri primi
€ 14.00 € 11.90
Disponibilità immediata
La solitudine dei numeri primi
€ 9.00 € 8.46
Disponibilità immediata solo 1pz.
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
La solitudine dei numeri primi

La solitudine dei numeri primi

di Paolo Giordano


Prodotto momentaneamente non disponibile
Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d'esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza. Edizione con cofanetto.

Note su Paolo Giordano

Paolo Giordano è nato il 19 dicembre 1982 a Torino. Dopo il diploma scientifico, conseguito nel 2001 presso il Liceo Gino Segré di Torino, si iscrive alla facoltà di Fisica dell'Università di Torino, dove ottiene la laurea specialistica nell'anno accademico 2005/2006. Il suo romanzo "La solitudine dei numeri primi", pubblicato nel 2008, è stato in quell’anno il libro più venduto in Italia, con più di un milione di copie. Il romanzo, tradotto in diversi paesi, ha vinto il premio Campiello Opera Prima, il Premio Fiesole Narrativa Under 40, il Premio letterario Merck Serono e il Premio Strega. A soli 26 anni è il più giovane scrittore ad aver vinto il Premio strega. "La solitudine dei numeri primi" è stato trasposto sul grande schermo nel 2010, in un film diretto da Saverio Costanzo. Paolo Giordano vive a Torino, dove nel 2010 ha conseguito il dottorato di ricerca in Fisica Teorica.



 

I libri più venduti di Paolo Giordano:

Voto medio del prodotto:  3.0 (3.1 di 5 su 271 recensioni)

4.0Bel libro, 25-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro è ben scritto, con uno stile fluido e una trama interessante, che si sviluppa su due piani paralleli che finiscono con l'intrecciarsi tra loro, pur rimanendo in qualche modo separati. Tocca argomenti importanti e delicati, senza scendere mai nella banalità. Ho amato il finale semi-aperto, a differenza di tanti altri che criticano il libro proprio per questo aspetto. Decisamente consigliato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Triste..., 23-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ho trovato un po' triste. Alice e Mattia sono due ragazzi accomunati da un tragico passato che li ha condizionati, isolandoli dai rapporti sociali: sono come due numeri primi, simili ma allo stesso tempo diversi e soli. Anche il finale mi è parso molto triste, ma allo stesso tempo mi è sembrato il più adatto per questo libro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Una sorpresa piacevole, 21-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Nulla a che vedere con il film, che ho trovato noioso e lento. Questo romanzo, inevitabilmente struggente, scritto da Paolo Giordano che in queste pagine è assolutamente brillante, è uno dei più bei libri degli ultimi decenni.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Bellissimo, 11-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
La storia di due numeri primi, ossia due ragazzi (poi adulti) immersi in una solitudine completa e incapaci di relazionarsi con il mondo. È un libro commovente e profondo, fa riflettere sui dissidi della società moderna.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Dubbiosa, 30-01-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro è sicuramente coinvolgente e ben scritto. L'ho letto d'estate e forse non era la stagione giusta. La lettura mi è risultata un po' pesante. Ancora non ho ben capito la fine, ma non si è meritato la rilettura per comprenderlo meglio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Stupendo, 22-07-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Mattia e Alice sono due adolescenti che convivono con due diversi drammi interiori. Dei tragici avvenimenti vissuti nell'infanzia hanno condizionato il loro carattere. I due si incontrano e si legano, quasi per caso, per gioco. Indissolubilmente. Un legame saldo e potente, ma a tratti ambiguo, che tuttavia funziona e porta fuori entrambi dall'isolamento sociale. Non abbastanza però, probabilmente perché nessuno dei due è davvero in grado di coltivarlo appieno. Ad un certo punto le loro strade si dividono, ma è come se non si fossero mai abbandonati davvero.
La storia è struggente, solo apparentemente irrisolta. Finalmente un libro che merita di essere letto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Carino, 19-03-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Il primo libro scritto da Paolo Giordano è divenuto uno dei libri più venduti e più pubblicizzati, tanto che ne hanno anche tratto un film. Al centro della storia ci sono Alice e Matteo, entrambi "numeri primi", numeri che sono destinati a non toccarsi mai. Nell'infanzia di entrambi c'è stato un episodio che ha segnato profondamente la loro vita. I loro destini si incrociano e i due scoprono di avere molte, moltissime cose in comune, si sentono strettamente uniti anche se molto diversi tra loro, ma la loro non è una storia a lieto fine perché, appunto, vivono nella loro solitudine. Un libro carino, anche se molto triste.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Banale, 04-02-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
Racconto molto banale, sopravvalutato dalla critica. Si legge bene, la scrittura è scorrevole, ma la trama non ha nulla di emozionante e accattivante. È la solita storia in cui si vogliono mettere in evidenza le disgrazie, la malattia e il senso di inadeguatezza e farli diventare protagonisti, senza che ce ne sia bisogno. Non credo nell'esaltazione dei "numeri primi": purtroppo queste sono storie comuni, importanti nella loro individualità ma che esistono in ogni città e in molte famiglie. Non capisco l'esaltazione di queste situazioni!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Insospettabile, 06-11-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto maneggevole in questa nuova veste editoriale, la lettura è decisamente scorrevole nonostante l'autore si concentri su temi forti e attuali.
Grazie alla sua trama accattivante il libro mi ha trasportata senza paura nella vita del protagonista che, mostrando al lettore il mondo dal proprio punto di vista, fa capire come alcuni aspetti della vita possano essere considerati con più leggerezza. Senza mai pronunciare il nome della malattia di Mattia infatti, la realtà descritta nel romanzo viene filtrata proprio da quest'ultima. Un racconto sensazionale dal finale insospettabile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Ma che bel libro!, 19-05-2012, ritenuta utile da 6 utenti su 27
di - leggi tutte le sue recensioni
Se ripenso alla trama mi sembra un po' scontata, forse poco densa e senza mordente, ma questo libro l'ho divorato in poche ore. Forse perchè è molto ben scritto, profondo senza essere prolisso, essenziale senza diventare laconico. Cosa dire? I protagonisti ti prendono, per come pensano, per come vivono, per quello che trasmettono. Consigliatissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0La solitudine dei numeri primi, 16-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Lettura semplice, e chiara, mi è piaciuto come l'autore ha trattato un tema difficile ma al tempo stesso attuale come la malattia.
Lo consiglio a lettori a cui piace il genere un pò realistico, moderno, senza colpi di scena particolarmente ecclatanti, è una lettura scorrevole e non particolarmente difficile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Successo inspiegabile, 03-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Io non voglio credere che questo libro abbia vinto il Premio Strega. La storia fa acqua da tutte le parti, i due protagonisti sono poco credibili e "macchiettati" come due complessati, la prosa e lo stile hanno delle defallance imbarazzanti (ci sono dei dialoghi in prosa in pratica, anzichè virgolettati) . Inspiegabile caso editoriale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La solitudine dei numeri primi (271)