€ 16.72€ 17.60
    Risparmi: € 0.88 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Simbolo e icona. Estetica e filosofia pratica nel pensiero di V. I. Ivanov

Simbolo e icona. Estetica e filosofia pratica nel pensiero di V. I. Ivanov

di Chiara Cantelli


  • Editore: Pendragon
  • Collana: Le sfere
  • Data di Pubblicazione: 2000
  • EAN: 9788883420290
  • ISBN: 8883420292
  • Pagine: 280
18AppCarta docenteQuesto articolo è acquistabile
con il Bonus 18app o la Carta del docente

Descrizione del libro

È un saggio dedicato al poeta, filologo e filosofo Vjaceslav I. Ivanov, il più importante teorico del simbolismo russo che visse a lungo anche in Italia: a Pavia, dove ebbe la cattedra universitaria di letteratura russa e a Roma, dove morì nel 1949. Ivanov esercitò un ruolo di primissimo piano nell'ambito della cosiddetta ""rinascita filosofico-religiosa"" del primo Novecento russo: la sua riflessione, sia in ambito artistico che filosofico, fu infatti determinante per filosofi come V. Ern, P. Florenskij, S. Bulgakov e N. Berdjaev e per la Russia del primo ventennio del secolo. Il libro ricostruisce la vita di Ivanov e ne ristabilisce il giusto ruolo di maître a pensér dell'intero movimento simbolista, che in lui trovò non solo uno stabile punto di riferimento ma anche la coscienza delle proprie ambiguità e lacerazioni. Ambiguità e lacerazioni che emersero a partire da uno dei nodi concettuali che più travagliarono il dibattito interno a questo movimento: l'arte è solo arte oppure rimanda a qualcosa di più, ad una dimensione oltre quella artistica che permetta al simbolismo di assurgere ad una sorta di meta-concezione del mondo includente tutte le altre, così da svincolarsi dalle coordinate storiche entro cui era nato e sviluppato quello che sembrava essere un semplice movimento letterario? Questo nodo cruciale - il problema dello statuto dell'arte – costituisce la base dell'intera riflessione di Ivanov e della sua concezione del simbolo, a cui è dedicata la seconda parte del libro che prende corpo attraverso un serrato confronto con l'esperienza estetica del simbolismo francese e del romanticismo tedesco.