€ 33.60€ 35.00
    Risparmi: € 1.40 (4%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Serafino Macchiati illustratore. Ediz. italiana e inglese

Serafino Macchiati illustratore. Ediz. italiana e inglese

di Raffaele De Grada, Silvana Frezza Macchiati


  • Editore: Allemandi
  • Collana: Varia
  • Data di Pubblicazione: dicembre 2003
  • EAN: 9788842212164
  • ISBN: 8842212164
  • Pagine: 96
  • Formato: rilegato
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Nato a Camerino nel 1861 (e morto a Parigi nel 1916), Serafino Macchiati si era formato nell'ambito della pittura divisionista romana e aveva frequentato la cerchia di artisti che gravitavano intorno a Giacomo Balla e Duilio Cambellotti, ma anche poeti come Sibilla Aleramo e, a Parigi, politici come il dirigente rivoluzionario Henri Barbusse. A Parigi (dove si era trasferito nel 1898) aveva consolidato la sua amicizia con Balla (vivono e lavorano insieme, legati anche dalle comuni idee socialiste), aveva studiato gli Impressionisti e la pittura di paesaggio, perfezionato la sua attività artistica nel settore dell'affiche pubblicitario di gusto Art Nouveau, allora di gran moda grazie anche alle esposizioni universali. Macchiati è diventato celebre come illustratore delle principali riviste europee (la "Tribuna Illustrata", il "Figaro illustré" e l'"Illustrierte Zeitung") e dei romanzi delle più importanti case editrici (Treves e Sonzogno di Milano; Alphonse Lemerre, Pierre Lafitte e Arthème Fayard di Parigi): è un realista che descrive a fondo la società contemporanea (nei romanzi di Balzac, Tolstoi o Conan Doyle) e che ricostruisce fuori da ogni retorica la vita di alcuni grandi personaggi (come nella biografia di Beethoven). Ha illustrato inoltre la "Divina Commedia" edita da Alinari di Firenze. Diverse sue opere si possono trovare nei più importanti musei italiani, al Musée d'Orsay a Parigi e al Museo di Belle Arti a Lugano.

Tutti i libri di Raffaele De Grada