€ 17.10€ 18.00
    Risparmi: € 0.90 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata

Disponibile in altre edizioni:

Se ti abbraccio non aver paura
€ 17.10 € 18.00
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Se ti abbraccio non aver paura

Se ti abbraccio non aver paura

di Fulvio Ervas


  • Editore: Marcos y Marcos
  • Collana: Gli alianti
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2019
  • EAN: 9788871688770
  • ISBN: 8871688775
  • Pagine: 319
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

"Se ti abbraccio non aver paura" diventa un film. Gabriele Salvatores torna on the road con il film tratto dal best seller di Fulvio Ervas con Claudio Santamaria, Diego Abatantuono, Valeria Golino, Giulio Pranno.
La splendida avventura di Franco e Andrea continua ancora. Il viaggio di un padre e un figlio, alle prese con l’autismo, il coraggio, la paura, il richiamo della vita, ora ha una nuova vita in un grande film che uscirà nelle sale cinematografiche il 24 ottobre.
Questa edizione di "Se ti abbraccio non aver paura" contiene le grafiche del film e brevi testi introduttivi di Franco Antonello, Fulvio Ervas e Gabriele Salvatores.

I libri più venduti di Fulvio Ervas

Tutti i libri di Fulvio Ervas

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Se ti abbraccio non aver paura acquistano anche Sono graditi visi sorridenti di Franco Antonello € 9.02
Se ti abbraccio non aver paura
aggiungi
Sono graditi visi sorridenti
aggiungi
€ 26.12

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 19 recensioni)

3Storia di coraggio, 20-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Conosco la storia dei protagonisti, perché ne seguo le avventure su Facebook. Andrea è un giovane affetto da autismo, il padre è un uomo coraggioso innamoratissimo di suo figlio. Il loro legame va oltre il disturbo, oltre i limiti che questo può comportare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Non mi ha convinto per niente, 02-02-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi sembra quasi politicamente scorretto parlare di questo libro, perché il tema trattato - l'autismo - pare non meritare recensioni negative. E poi è stato osannato ovunque. Pensavo che mi sarei trovato di fronte a un capolavoro di sensibilità, emozione, e alti livelli di scrittura, visto che la storia era stata affidata a uno scrittore professionista. Ma è proprio quello, ciò che mi è mancato. Una scrittura che non fosse così banale e piatta. Cavolo, non si può leggere un romanzo se è scritto così.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Coraggioso, 22-01-2015, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Da premiare il coraggio di un padre che decide di affrontare l'autismo del figlio comportandosi in maniera contraria a quanto gli veniva detto. L'uomo infatti non si scoraggia di fronte all'impresa di affrontare questa malattia per certi versi ancora sconosciuta. Si potrebbe pensare che sia stata l'incoscienza a fargli affrontare un viaggio in moto con un figlio con molti problemi, invece è solo l'amore di un padre che non si arrende a ciò che la vita gli ha messo davanti. È una bella prova per dimostrare di essere padre senza sottostare ai consigli spesso troppo didascalici degli specialisti, ma seguendo solo ciò che viene dal cuore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Una bella storia di coraggio, 06-02-2013, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
E' il racconto di un viaggio padre e figlio. Coraggioso perchè il figlio è autistico, ha della difficoltà che rendono il viaggio più difficile e più imprevedibile.
Di per sè non è un libro scritto benissimo, con una scrittura coinvolgente, nè tanto meno ti spinge a non chiuderlo se non lo hai finito. Ma è la testimonianza bella di un padre, prima che di uno scrittore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Bello, Andrea, un po' , 31-12-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Scorrono via come le ruote della Harley sulle Highways americane le pagine di questa atipica road story. Ma se la atipicità sta nel fatto che uno dei viaggiatori ha un handicap, e l'altro è il padre che lo porta in giro per le Americhe con uno scopo che vorrebbe essere terapeutico-sperimentale, allora, accanto all'apprezzamento per una scrittura che sa emozionare (a tratti) e che si fa leggere con estrema facilità, riuscendo così ad interessare al tema dell'autismo un numero importante di persone, c'è da farsi qualche domanda sul come e sul perché. Il libro, la cui stesura è stata affidata dal protagonista a uno scrittore professionista a cui egli ha narrato la vicenda, è per lo più pervaso da serenità e sufficienti certezze, che sono veramente difficili da accettare come autentiche in un uomo solo che, per amore e come unica risorsa disponibile, ha deciso di trascinare in un'avventura un figlio senza la certezza che questa gli sarà di aiuto, o non ne peggiorerà la condizione, con niente di programmato, e pertanto, secondo i canoni consueti, al limite dell'incoscienza. Mancano inoltre sufficienti collegamenti della vicenda al prima e al poi, tali da permettere al lettore di apprezzare la validità della scelta del protagonista nei confronti del figlio: viene da pensare a come Andrea si riadatterà alla vita di tutti i giorni, dopo il lungo viaggio. E se si riadatterà troppo facilmente forse l'esperienza non avrà avuto significato solo per il padre?
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Se ti abbraccio non aver paura (19)


Prodotti correlati

Ultimi prodotti visti