€ 27.00
Normalmente disponibile in 5/6 giorni lavorativi
Quantità:

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La scrittura scenica. Un codice e le sue pratiche nel teatro del Novecento

La scrittura scenica. Un codice e le sue pratiche nel teatro del Novecento

di Lorenzo Mango


  • Editore: Bulzoni
  • Collana: Biblioteca teatrale
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2003
  • EAN: 9788883198496
  • ISBN: 8883198492
  • Pagine: 416
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Tutti i libri di Lorenzo Mango

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano La scrittura scenica. Un codice e le sue pratiche nel teatro del Novecento acquistano anche Le origini del teatro moderno. Da Jarry a Brecht di Franco Perrelli € 19.00
La scrittura scenica. Un codice e le sue pratiche nel teatro del Novecento
aggiungi
Le origini del teatro moderno. Da Jarry a Brecht
aggiungi
€ 46.00

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.5 di 5 su 2 recensioni)

1Assolutamente no, 19-02-2013, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Sto studiano questo libro per un esame e lo trovo veramente pesante e includente, inizia centinaia di argomenti che poi non porta a conclusione o parte con la volontà di definire termini che poi non definisce. Non si sofferma mai abbastanza su un autore in modo tale da poter dare un quadro completo al lettore, ma getta informazioni ovunque capiti, decorando il tutto con paroloni inutili e concettualismi insopportabili. Inoltre, nel caso non bastasse, mette intere citazioni "fondamentali" in altre lingue, senza curarsi minimanente di apporre una nota con la traduzione. Insomma. Bocciato.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Scrivere... Sulla scena, 25-01-2011, ritenuta utile da 1 utente su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Probabilmente il libro più esaustivo sulla scrittura scenica. Un excursus su tutto il teatro del Novecento e sulla sua matrice nuova che parte direttamente dalla scena, togliendo il primato al testo per farlo elemento fra gli elementi. La scrittura scenica, che Planchon per primo negli anni '60 definì, si fa drammaturgia della luce, del suono, dell'oggetto, dell'attore, del testo (non più essenziale), in cui la progettualità viene prima di ogni vera e propria messa in scena.
Ritieni utile questa recensione? SI NO