€ 13.60€ 16.00
    Risparmi: € 2.40 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La scienza, la morte, gli spiriti. Le origini del romanzo noir nell'Italia fra Otto e Novecento

La scienza, la morte, gli spiriti. Le origini del romanzo noir nell'Italia fra Otto e Novecento

di Andrea De Luca


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Marsilio
  • Collana: Saggi
  • Data di Pubblicazione: marzo 2019
  • EAN: 9788831742887
  • ISBN: 8831742884
  • Pagine: 151
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

In un mondo trasformato dal progresso tecnologico e dalle rivoluzioni industriali del xix secolo, gli ambienti culturali più diversi sono dominati dal Positivismo e da un forte impulso a estendere le metodologie scientifiche alle scienze dell’uomo: antropologia, sociologia, demografia, politica. Nello stesso periodo, però, alla vasta ricognizione delle tradizioni popolari e dei culti ancestrali si accompagna una crescente curiosità per l’aldilà, per il mistero, per tutto ciò che non può essere spiegato con fredde leggi biologiche o meccaniche. All’ignoto, all’occulto vengono allora applicate nuove metodologie d’indagine: nasce così il romanzo di investigazione che sfrutta entrambe le tendenze, spiegare con la scienza il mistero della morte. La scienza, la morte, gli spiriti si incunea in questa terra di mezzo, dove la letteratura del mistero muove i suoi primi passi all’ombra dei grandi romanzieri tra Otto e Novecento. Descrive quel “filo nero”, di matrice spiritista, che legava Conan Doyle a Francesco Mastriani e che ha attratto scrittori come Pirandello e Capuana. Il lato oscuro della letteratura italiana e la fascinazione per la morte hanno dato vita a un genere, il romanzo poliziesco e d’indagine, che ancora oggi sembra non conoscere crisi.