€ 20.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Scelte pubbliche e strumenti di management per gli acquisti

Scelte pubbliche e strumenti di management per gli acquisti

di Elisa Pintus


Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Il saggio indaga, con una prospettiva originale, sulla relazione impresa - pubblica amministrazione (PA) - società. Essa ha origine in una precisa consapevolezza: l’impresa, l’ambiente economico, il mercato non sono più l’avversario da contrastare. Una relazione duale fatta della connotazione specifica di impresa e PA non è più sufficiente. Il soddisfacimento del bisogno pubblico e l’erogazione dei servizi pubblici finali si attuano al meglio se la società, nel suo complesso, è parte integrante anche dei processi di supporto alle decisioni. Stato, imprese, società sono oggi sempre più intrinsecamente integrati. Si chiede alla PA di interpretare un ruolo di regia per individuare valori, principi e obiettivi da condividere, di disegnare azioni che portino alla ricerca di relazioni di collaborazione durature e produttive. Si registra un’evoluzione del modello di Stato più coerente al paradigma di public procurement. Gli acquisti delle aziende pubbliche non sono, dunque, gli appalti, non sono solo gli appalti. Sono molto di più: scelte pubbliche, programmi, piani, progetti, attività con una molteplicità di attori (decisori politici, manager pubblici, portatori d’interesse, business community) e strumenti (economici, giuridici, gestionali e organizzativi). Il modello di management che si disegna per la funzione acquisti deriva oggi dall’interrelazione fra i decisori politici e il management pubblico nell’alveo del nuovo sistema di regolazione giuridica. Questo è il punto di incontro della relazione di collaborazione sul quale verificare l’interesse pubblico che le amministrazioni pubbliche devono soddisfare e che le imprese devono conoscere. È erroneo pensare che la relazione di collaborazione sia scevra dei vincoli definiti dal legislatore, ma è altrettanto inadeguata una modellizzazione che evoca limiti stringenti e insormontabili alla capacità di interpretare e dare forza all’autonomia decisionale di impresa e PA. Si ravvisa in una delle caratteristiche principali dell’azienda pubblica, la sua durabilità nel tempo, l’elemento di tensione positiva nel riorientamento al management degli acquisti. Le scelte pubbliche devono iniziare a valorizzare effettivamente tale caratteristica. Per sviluppare azioni di contracting strategico è necessario equilibrio nel soddisfacimento delle esigenze dei diversi portatori d’interessi e tra i risultati raggiunti nel soddisfacimento dei bisogni pubblici e le risorse impiegate: il tempo per valutare e valorizzare l’impatto delle scelte è condizione essenziale.

Indice


1) Le relazioni impresa - PA come paradigma per l’analisi dei processi di acquisto-vendita
2) Le scelte pubbliche e la regolazione giuridica per gli acquisti
3) Il management degli acquisti nelle aziende pubbliche
4) Il ciclo di vita del processo d’acquisto e gli strumenti di governo
5) Gli acquisti online e le centrali di committenza. Benchmarking internazionale e nazionale: modelli, casi di innovazione, risultati
6) Le innovazioni nel procurement pubblico e gli scenari a tendere
Appendici
Indice delle Figure e delle Tabelle
Glossario
Acronimi
Bibliografia