Acquista nuovo€ 42.24
    € 42.24€ 44.00
    Risparmi: € 1.76 (4%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Acquista usatoDa € 19.80
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
La sacra causa di Darwin. Lotta alla schiavitù e difesa dell'evoluzione

La sacra causa di Darwin. Lotta alla schiavitù e difesa dell'evoluzione

di Adrian Desmond, James Moore


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Cortina Raffaello
  • Collana: Scienza e idee
  • Traduttori: Blum I. C., Rigamonti G.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2012
  • EAN: 9788860304971
  • ISBN: 8860304970
  • Pagine: 700
  • Formato: brossura

Immediatamente disponibile anche usato a partire da € 19.80

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

C'è sempre stato un mistero intorno a Darwin. Come mai questo evoluzionista riluttante, tranquillo gentiluomo di campagna, ha generato una delle idee più rivoluzionarie nella storia del pensiero? La sua concezione era davvero una "idea pericolosa". Doveva esserci qualcosa di potente, una fiamma morale, come scrivono Desmond e Moore, a stimolarlo. Era l'odio appassionato contro la schiavitù. Al contrario degli apologeti dello schiavismo, per i quali bianchi e neri erano specie separate fin dall'origine, Darwin pensava che le razze umane appartenessero tutte alla stessa famiglia. La schiavitù era un "peccato": abolirla divenne la sua "sacra causa". Ma fu estendendo l'idea abolizionista di fratellanza a tutte le forme di vita che Darwin elaborò la sua visione dell'evoluzione. Attingendo a una vastissima gamma di manoscritti inediti, lettere familiari, diari e perfino giornali di bordo, Desmond e Moore delineano il ritratto di un Darwin profondamente umanitario, ben lontano dallo stereotipo di uno studioso indifferente alla sorte dei propri simili: solo riconoscendo la sua passione abolizionista possiamo comprendere la formazione di un'idea che ha cambiato la nostra concezione del posto dell'uomo nella natura.