€ 28.00
Normalmente disponibile in 6/7 giorni lavorativi
Quantità:

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Ruggini di piante arboree forestali ed ornamentali

Ruggini di piante arboree forestali ed ornamentali

di Alessandro Ragazzi, Salvatore Moricca, Irene Dellavalle


  • Editore: Pàtron
  • Data di Pubblicazione: 2007
  • EAN: 9788855529426
  • ISBN: 8855529420
  • Pagine: 200
  • Formato: rilegato
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Indice

L'opera presenta per la prima volta ed in forma organica il panorama, suggestivo e straordinario per gli specialisti in merito agli agenti di ruggini, che fin dall'antichità avevano irretito naturalisti e non. Si tratta, indubbiamente, di materia complessa, ricca di interazioni ospite-parassita-ambiente, con incessante evoluzione e, conseguentemente, di un lavoro fondamentale, da molti auspicato per la mico-patologia italiana, fino ad ora, mai affrontato nella sua completezza. Il volume si compone di diversi capitoli ben aggregati, che, ai cultori della materia, agli studenti universitari, e a quant'altri abbiano interesse specifico per i fini professionali, offrono: l'insieme esauriente, di detti patogeni, con la trattazione di alcuni di essi, la disamina dello studio della variazione intraspecifica sulle dinamiche epidemiologiche ed una enfatizzazione del ruolo delle moderne tecniche biomolecolari sugli studi di popolazione e sul rilevamento di dette variazioni (il tutto corredato da esempi efficaci pertinenti ad importanti specie, un interessante excursus sulle modalità di coltivazione in vitro degli agenti di ruggine, in cultura duale o axenica, con enucleazione dei principali tipi di metodologia e difficoltà connesse, un'analisi ben dettagliata delle modalità di penetrazione nell'ospite, sia esso primario o secondario, ad opera delle ecidiospore e delle basidiospore, e delle peculiarità epidemiologiche relative ad importanti specie di pino in Italia, analisi che ha come riferimento soprattutto il “Cronartium complex”. Il lavoro è arricchito da ampia iconografia. Il volume è completato per una corretta interpretazione, da un'ampia iconografia a colori.