€ 10.45€ 11.00
    Risparmi: € 0.55 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Romolo il grande

Romolo il grande

di Friedrich Dürrenmatt


  • Editore: Marcos y Marcos
  • Collana: Le foglie
  • Traduttore: Rendi A.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2006
  • EAN: 9788871684437
  • ISBN: 8871684435
  • Pagine: 145
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteQuesto articolo è acquistabile
con il Bonus 18app o la Carta del docente

Trama del libro

Roma, V sec. d.C. L'Impero romano è allo sfascio. Romolo Augusto sembra disgustato dai fasti del passato, sembra quasi compiacersi della marcia trionfale che accompagna la calata dei germani verso Roma, sotto la guida di Odoacre. Nelle casse imperiali non c'è un centesimo. Romolo non sembra curarsene. Se ne sta alla larga da Roma, e si dedica serenamente, nel proprio podere, all'allevamento dei polli. Invano, il ricchissimo Cesare Rupf, eccelso fabbricante di calzoni, offre a Romolo un'occasione d'oro per salvare l'Impero: propone milioni di sesterzi e sloggio immediato dei barbari in cambio di Rea figlia dell'imperatore - e di una salvifica "fusione" fra impero romano e Superditta Cesare Rupf. Romolo, incredibilmente, rifiuta.

I libri più venduti di Friedrich Dürrenmatt

Tutti i libri di Friedrich Dürrenmatt

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Romolo il grande e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Romolo il grande, 18-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Con graffiante e divertita ironia, Durrenmatt descrive la fine dell'Impero Romano condannato dal suo stesso ultimo imperatore che ritiene non poter essere difendibile uno stato che ha assassinato, provocato guerre e oppresso popoli per secoli.
L'impero potrà scomparire solo grazie all'inedia del suo ultimo imperatore, unico lucido osservatore della realtà che lo circonda.
L'ironia è feroce: Durrenmatt all'inizio ci presenta un imperatore pigro e solo dedito alla pollicoltura ma che al terzo atto svelerà il suo progetto politico, gli uomini di potere della corte come ambiziosi ma incapaci, una moglie "madre della patria" dominata dall'ambizione, l'impero d'oriente imbalsamato da rigidi e ridicoli protocolli.
Un testo all'inizio molto divertente, ma poi emerge chiaramente una dura e netta condanna contro tutti gli stati oppressori riassunta nella frase che l'imperatore dice alla figlia "Quando lo stato si prepara ad assassinare, si fa chiamare patria".
Bello e assolutamente da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti