€ 17.10€ 18.00
    Risparmi: € 0.90 (5%)
Disponibile in 9/10 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
La rivoluzione impossibile. Dai Campi Hobbit alla nuova Destra

La rivoluzione impossibile. Dai Campi Hobbit alla nuova Destra

di M. Tarchi (a cura di)

  • Editore: Vallecchi
  • Collana: Saggi
  • A cura di: M. Tarchi
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2009
  • EAN: 9788884271488
  • ISBN: 8884271487
  • Pagine: 476
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Cos'erano i Campi Hobbit e come si è svolta l'ascesa politica dei ragazzi che tra il 1977 e il 1980 parteciparono ai tre "festival della giovane destra"? Quali erano i loro ideali e perché la loro tanto attesa rivoluzione, iniziata a suon di musica e spettacoli, tra tendopoli e mercatini, si è rivelata in quegli anni impossibile? "Hobbit/Hobbit" fu il libro che di quei Campi raccontò, con la voce dei protagonisti, la singolare vicenda. Attorno a questo documento, per ricostruire il profilo di un'esperienza che fu in gran parte anche la sua, Marco Torchi costruisce un resoconto storico basato su analisi scientifica e recupero di numerose fonti. "La rivoluzione impossibile" è il tassello mancante delle tante ricostruzioni proposte del "fascismo degli anni di piombo", dove a emergere è il lato confuso e contraddittorio, ma anche intriso di passioni e ambizioni ingenue, che fece da contraltare al versante oscuro, così spesso descritto come il carattere dominante dell'"arcipelago nero" di quell'epoca.

Voto medio del prodotto:  3 (3 di 5 su 1 recensione)

3Hobbit come comunità, 15-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Prima della lettura mi aspettavo un libro diverso, che spiegasse bene il passaggio dal neo-fascismo alla Nuova destra. Ma si è rivelato invece molto incentrato sui campi hobbit delle giovani generazioni missine, mentre sulla Nuova destra vengono fatti solo degli accenni. Solo la postfazione è incentrata sulla svolta metapolitica, ma è più, come indica bene il titolo del capitolo, una controversia politica che una vera e propria analisi.
Il libro è un resoconto dei tre campi hobbit e della impossibile rivoluzione tentata all'interno del Msi alla fine degli anni '70, da parte delle frange più giovani.
Ritieni utile questa recensione? SI NO