€ 70.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Ritratto di un banchiere del Rinascimento. Bindo Altoviti tra Raffaello e Cellini

Ritratto di un banchiere del Rinascimento. Bindo Altoviti tra Raffaello e Cellini

di A. Chong, D. Pegazzano, D. Zikos (a cura di)


  • Editore: Mondadori Electa
  • A cura di: A. Chong, D. Pegazzano, D. Zikos
  • Traduttori: Palombi V., Salpietro S., Zizi M.
  • Data di Pubblicazione: 2004
  • EAN: 9788837023515
  • ISBN: 8837023510
  • Pagine: XXVI-487

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Il volume illustra la biografia e il ruolo di mecenate di Bindo Altoviti (1491-1556), un banchiere dei papi che divise le sue attività tra Roma e Firenze. La sua collezione, per quanto non vastissima, includeva innovativi capolavori di Raffaello, Michelangelo, Benvenuto Cellini, Francesco Salviati, Jacopo Sansovino e Giorgio Vasari. Inoltre Bindo condusse degli scavi a Villa Adriana alla ricerca di sculture antiche, e fu un importante protettore della musica. Altrettanto affascinante è l'attività di banchiere di Bindo Altoviti per il suo intreccio con la politica papale, il controllo delle forniture di materie prime a Roma, l'importazione di merci esotiche e il movimento dei fuoriusciti repubblicani che miravano a cacciare i Medici da Firenze.