€ 24.00€ 25.00
    Risparmi: € 1.00 (4%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
La riforma dello sportello unico per le attività produttive dopo la SCIA. Commento organico ai DD.PP.RR 9 luglio 2010, n. 159 e 7 settembre 2010, n. 160

La riforma dello sportello unico per le attività produttive dopo la SCIA. Commento organico ai DD.PP.RR 9 luglio 2010, n. 159 e 7 settembre 2010, n. 160

di Isabella Salza


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

L'articolo 38 del D.L. n. 112 del 2008, convertito con modificazioni nella legge n. 133 del 2008, ha dettato i principi ed i criteri per la riscrittura dello sportello unico per le attività produttive. Il volume offre una prima lettura dei due DD.PP.RR. adottati ai sensi dell'articolo 38, commi 3 e 4 del D. L. n. 112 del 2008, convertito dalla legge 133/2008, concernenti rispettivamente il riordino e la semplificazione del SUAP (D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160) e l'istituzione delle Agenzie per le imprese (D.P.R. 9 luglio 2010, n. 159), che danno completa attuazione agli stimoli riformatori provenienti dal livello statale e da quello europeo. Analizza, inoltre, l'impatto sulla disciplina del regolamento SUAP delle importanti innovazioni da ultimo recate alla legge n. 241 del 1990 dal D.L. n. 78 del 2010, convertito con modificazioni dalla legge n. 122 del 2010, in particolare sul procedimento "automatizzato", attraverso la sostituzione della DIA con la SCIA, e sul procedimento "unico", in seguito al miglioramento dell'applicazione della conferenza di servizi. L'appendice documentale da cui è corredato dà conto del lungo e articolato iter che ha portato all'adozione dei due DD.PP.RR. Il volume, in definitiva, mette nelle mani degli operatori una guida completa ed organica per comprendere ed applicare i nuovi istituti che nei prossimi anni scandiranno l'agire quotidiano delle pubbliche amministrazioni, dei professionisti e delle imprese.